IL GIORNALISTA ANGELO CIMAROSTI VINCITORE DEL III PREMIO GIORNALISTICO NAZIONALE “LA ROSA D’ORO”

Si è svolta il 4 settembre a Milano, nella splendida cornice di San Lorenzo Maggiore, la cerimonia di premiazione del III Premio giornalistico nazionale “La Rosa d’Oro” organizzato dall’Associazione Internazionale Regina Elena Odv.

La giuria del premio, presieduta da Ilario Bortolan, presidente nazionale del sodalizio fondato 35 anni fa, e composta: dai giornalisti Monica Andolfatto, Domenico Bonaventura, Andrea Pastore, Michele Zizza e dal Prof. Claudio Melchior dell’Università degli Studi di Udine, ha espresso il proprio parere su articoli e servizi giornalistici della carta stampata e radio televisivi vertenti le seguenti tematiche: l’Italia e gli italiani all’estero, new media e comunicazione istituzionale.

Il vincitore dell’edizione 2020 è stato il giornalista Angelo Cimarosti, coordinatore giornalistico gruppo MediaNordest.it, con un servizio televisivo dal titolo: “Nemico di un tempo, torna a casa in pace”, trasmesso dall’emittente televisiva Antenna Tre, seguito al secondo posto da Lorella Salce, responsabile comunicazione, stampa e relazioni esterne degli Istituti Fisioterapici Ospedalieri di Roma, con il video: “Come funzionerà il vaccino contro il Corona Virus?” e terzo classificato il giornalista Guido Mola, responsabile delle pagine sportive del quotidiano “Il Giorno” con un articolo dal titolo: “Brividi, febbre, fame d’aria. Io e l’incubo di 26 giorni” pubblicato dal quotidiano per cui scrive.

Consegnate anche tre menzioni speciali alla comunicazione istituzionale a: Università degli studi di Milano “la Statale”, alla sanità Alpina – Gruppo Intervento Medico Chirurgico Alpino per la Protezione Civile e all’Ordine di San Michele dell’Ala.

Alla cerimonia, presentata dall’attrice Martina Valentini Marinaz, hanno preso parte numerose autorità civili, militari e religiose tra le quali: il Consigliere Regionale Lombardia e presidente commissione regionale attività produttive, istruzione, formazione e occupazione, Gianmarco Senna, il Comandante del Corpo d’Armata Italiano di Reazione Rapida della NATO, Generale di Corpo d’Armata Guglielmo Luigi Miglietta, Monsignor Luca Bressan, Vicario Episcopale della Diocesi di Milano per la Cultura, la Carità, la Missione e l’Azione Sociale, in rappresentanza dell’Arcivescovo, il presidente dell’Ordine dei Giornalisti della Lombardia Alessandro Galimberti, il Console Onorario del Portogallo Daria Pesce, il Sen. Gabriele Albertini in qualità di presidente dell’Istituto Maria Pia di Savoia Regina del Portogallo, il Barone Guglielmo Guidobono Cavalchini in rappresentanza dell’Ordine di Malta, il Nobile Giuseppe Rizzani in rappresentanza dell’Ordine Costantiniano di S. Giorgio, il Dr. Alberto Casirati, Direttore dell’agenzia stampa “Tricolore”.

Per la giornata hanno fatto pervenire i loro messaggi, di cui si è data lettura, il: Presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati, il presidente della Regione Veneto Luca Zaia, della Regione Liguria Enrico Toti, della Regione Basilicata Vito Bardi e il presidente internazionale dell’Associazione, il Principe Sergio di Jugoslavia.

Il premio giornalistico – ha tenuto a dire il presidente Bortolan nel suo intervento – vuole essere un nostro contributo alla tutela della corretta informazione e alla lotta alla disinformazione, l’illegalità e le mafie sotto tutte le forme”. Bortolan ha voluto ringraziare tutte le autorità che non hanno potuto raggiungere Milano che, tuttavia, hanno inviato il loro plauso per l’iniziativa: il Presidente della Commissione Europea, Ursula von der Leyen, del Parlamento Europeo David Sassoli e i sindaci di Cascais, Lisbona, Palermo, Roma e Valdieri.

Il Delegato nazionale ai rapporti istituzionali e alla comunicazione, Biagio Liotti ha aggiunto “Crediamo fermamente in questo genere di iniziative perché è anche un dovere associazionistico dare spazio all’informazione e alla corretta informazione in particolare, ancor di più dare la possibilità ai fruitori dell’informazione e della comunicazione di confrontarsi con esperti del settore”.

Il Premio, che ha cadenza annuale, organizzato dalla Delegazione nazionale ai rapporti istituzionali e alla comunicazione dell’associazione, è stato ospitato a Roma per le prime due edizioni, mentre per la terza i vertici del sodalizio hanno individuato eccezionalmente Milano con lo scopo di manifestare concretamente la solidarietà al capoluogo della regione italiana più colpita dall’emergenza Covid-19.

Il Presidente dell’Associazione Internazionale Regina Elena Odv era accompagnato da due Presidenti Onorari nazionali, da un Vice Presidente nazionale, dal Delegato nazionale ai rapporti istituzionali e alla comunicazione con due referenti nazionali; dal Delegato nazionale alle commemorazioni dei Caduti in guerra, nelle missioni internazionali ed a causa degli atti di terrorismo, dai dirigenti lombardi, piemontesi e genovesi e dal fiduciario della provincia di Novara.

Numerosa la niente dal Piemontesi: Maura Aimar, Presidente del Coordinamento Sabaudo; Ing. Marco Barmasse, Vice Presidentdell’Associazione Nazionale Alpini; Cav. Massimo Borghesi, Segretario della Confraternita del SS. Sudario di Torino; Lgten. Raffaele Caretto, Sottufficiale di Corpo del Reggimento Artiglieria a cavallo “Volòire”; Milo Ferrua, Presidente del Centro Studi “Principessa Mafalda”, Vice Presidente del Centro Studi “Vittorio Emanuele II”; Ten.Col. Daniele Foglia, Comandante del 2° Gruppo del Reggimento Artiglieria a cavallo “Volòire”, in rappresentanza del Comandante di Reggimento; Comm. Rocco Guastalla (Novara); Balì Gran Croce di Onore e Devozione in Obbedienza Barone Guglielmo Guidobono  Cavalchini (Collegno TO), in rappresentanza del Sovrano Militare Ordine di Malta; Col. Daniele Pepe, in rappresentanza del Comandante della Scuola di Applicazione di Torino Gen. D. Salvatore Cuoci; etc.

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *