Panificio Fioretti protagonista alla festa telematica “Capodanno del Mugnaio”

Panificio Fioretti protagonista alla festa telematica “Capodanno del Mugnaio”

CARINARO – Tradizione, impegno e passione. Sono queste le tre direttrici che caratterizzano il lavoro di Domenico Fioretti, giovane 32enne che con determinazione e perseveranza cura il suo panificio da oltre 10 anni. Il Panificio Fioretti è stato protagonista, nella giornata di giovedì 1 luglio, del Capodanno del Mugnaio, che, quest’anno, si è tenuta per via telematica, a causa della pandemia da Covid-19. LEGGI SU https://notizia24ore.blogspot.com/2020/07/panificio-fioretti-protagonista-alla.html

Il pane e la sua lavorazione, si sa, è da sempre stato il lavoro più nobile, metafora di tanti poeti ed elemento principale di tutta la nostra tradizione culinaria. Domenico ha seguito le orme di suo padre e di suo nonno, dedicandosi alla panificazione, che lui stesso definisce essere il suo “tutto”.

Elemento caratterizzante del pane che mette sul mercato Domenico, è la scelta del grano nostrum, primo grano da filiera italiana al 100% . Fioretti lo definisce a km 0, in quanto viene prodotto a meno di 1km dal suo panificio e macinato a meno di 10 km dallo stesso. Questo aspetto è stato ben sottolineato dal panettiere durante il “Capodanno del Mugnaio”, festa che – come definisce Domenico – “da sempre rappresenta un nuovo inizio, l’ora zero del nuovo anno produttivo, la resa dei conti, ovvero il momento in cui si vede la qualità del grano. È un evento che riunisce chi coltiva, chi lavora il grano e chi poi lo trasforma in pane e in tutti i suoi derivati. Il  capodanno del mugnaio è un vero e proprio “capodanno”, con tanto di festeggiamenti, brindisi ed abbracci. Nonostante sia stato svolto per via telematica, è stato comunque molto emozionante”.

Domenico, per questa edizione del Capodanno del Mugnaio, ha lavorato in stretta sinergia con “Mulino Caputo”, sintonia nata dalla voglia di offrire ai propri clienti prodotti quanto più naturali possibili.

“Per me il mio lavoro rappresenta tutto – afferma Fioretti -. Partiamo dal contatto con la natura per la lavorazione del nostro grano. È la materia essenziale per la mia attività. È fondamentale per me conoscere da dove proviene e da chi è stato lavorato. Utilizziamo materie prime di alta qualità, lavorazioni con lievito madre tramandato da mio nonno. Tutti gli impasti son fatti con pre fermenti, affinché i prodotti finali siano più digeribili. Poi la chicca d’oro è il grano nostrum, un grano che ha un profumo e un sapore di altri tempi. La sua farina è molto versatile e si possono modellare forme che vanno dai grissini alle focacce, dal pane alle pizze con vari metodologie di impasti. Da oggi il grano nostrum si potrà trovare anche nel sacchetto da un chilo, adatto per essere lavorato anche dalle casalinghe. Ci avvaliamo di professionisti per i nostri prodotti, come i produttori Agricola Lamberti, Franco D’Amore e il Mulino Antimo Caputo. Insomma, cerchiamo di dare il meglio ai nostri clienti, coadiuvando tradizione e innovazione. La tradizione – conclude – è importantissima, è un bagaglio che nessuno mai ci potrà togliere, ma allo stesso tempo bisogna guardare avanti all innovazione, distinguersi per non estinguersi”.

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *