Uomo tenta di violare un’abitazione, l’atleta Di Chiara “eroe” dell’anziana

Uomo tenta di violare un’abitazione, l’atleta Di Chiara “eroe” dell’anziana

FRIGNANO – Paura per le strade di Frignano. Ieri, un uomo sulla 40ina, avrebbe tentato un furto presso l’abitazione di una donna anziana. Ad evitare il peggio, è stato il campione di arti marziali Francesco Di Chiara.

La donna, poiché il malvivente più volte ha bussato alla sua porta cercandovi di entrare, in preda al panico, ha subito chiesto aiuto a Francesco, il quale si trovava in zona per una commissione. Il campione subito si è rivolto all’uomo, mentre quest’ultimo ha tentato di aggredirlo. Così Francesco l’ha “bloccato” per terra ed ha subito allertato i carabinieri; i quali, tempestivamente, sono arrivati sul posto e hanno  riconosciuto il malvivente, dati i suoi precedenti penali.

Non è la prima volta che Di Chiara si è trovato in una situazione simile: “Ho subito capito la situazione e per questo ho agito – afferma Francesco –. Ho sempre tenuto a cuore la sicurezza di tutti, specie di bambini, anziani e fasce deboli. Ho fatto della mia abilità sportiva uno strumento utile per la sicurezza degli altri, sempre rispettando i termini della legge. Negli anni, mi è capitato diverse volte di trovarmi in situazioni del genere: ho sventato una rapina nel 2017 a mano armata e nel 2019 ho fermato un senegalese che aggrediva passanti e infastidiva carabinieri. Questo mio aiuto alla comunità ha anche ricevuto dei riconoscimenti. Infatti, ho ricevuto un encomio dal sindaco di Aversa, Alfonso Golia e dal sindaco di Frignano Gabriele Piatto. Sono felice – conclude – di poter essere un punto di riferimento per i cittadini”.

BIOGRAFIA: Francesco di Chiara è atleta professionista, specializzato in arti marziali come judo e Jiu jitsu brasiliano. Intraprende questo percorso da piccolissimo, all’età di 12 anni. Negli anni si è impegnato nel diffondere l’amore per lo sport e  il sentimento di legalità ai giovani.

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *