1° PREMIO LA TORTUGA

(Matilde Maisto) – Al fine di rilanciare il territorio di Castel Volturno con i suoi preziosi valori GASTRONOMIA – MARE – RICETTIVITA’, Antonio Del Sole,  famoso chef riconosciuto a livello nazionale ed internazionale, titolare del Ristorante “La Tortuga”, ha voluto, con determinazione, istituire la prima edizione di questo prestigioso premio, in modo da mettere in risalto le positività del territorio.

L’evento avrà luogo nell’accogliente struttura del Ristorante “La Tortuga” in via Torre 2, Castel Volturno, con inizio alle ore 20,00 di lunedì 11 Novembre prossimo.

Durante l’evento saranno premiate Istituzioni Militari, personaggi del mondo dello spettacolo, cultura, sport, cinema, medicina, imprenditoria, giornalisti ben distintisi sul territorio castellano.

 La serata sarà allietata da momenti musicali e con l’intervento di importanti ospiti d’onore.

Dopo le varie premiazioni previste, seguirà un ottimo bouffet.

Ma ora cerchiamo di conoscere meglio Tonino Del Sole: chi è quest’uomo grande e grosso che a vederlo incute un poco di soggezione, ma che senza ombra di dubbio ha  un cuore dolce e limpido, come quello di un bambino? Che non contento di guardarsi intorno e vedere un mondo che va rovinosamente verso il disfacimento, non si vuole arrendere e continua a lottare per i suoi principi e le sue idee?

Il grande chef Antonio Del Sole, come già detto, titolare e proprietario del Ristorante La Tortuga, ossia la location che  ospiterà l’evento, solo a vederlo si capisce subito che è un uomo ricco di valori e di tanta umanità, che fanno da cornice alla sua eccellente personalità.

Un uomo, un artista dei fornelli, un padre di famiglia, ricco di valori che in tanti anni di sacrifici si è saputo aggiudicare non solo la simpatia della sua affezionata clientela, ma anche l’attenzione dei critici del settore, tanto da essere insignito nel 2014 della Stella d’Oro al Merito come Discepolo di Escoffier.

Oggi Antonio Del Sole è il presidente del Campania Team – Associazione Nazionale dei Cuochi, responsabile dei corsi di cucina che si organizzano negli istituti penitenziari della Campania e in particolar modo  nel carcere di Pozzuoli, tutto con il fine primario di insegnare una professione che possa permettere agli ex detenuti di realizzarsi dopo aver scontato la pena.
«Ecco perché – afferma lo chef Del Sole – parliamo di “ricette di speranza”, per offrire, con passione e piacere a chi è cresciuto a pane e violenza, l’appetito per il bello e per il buono».

Le sensazioni che Antonio vive durante questi insegnamenti è di poter riuscire a recuperare i giovani e sinora ne va fiero perché ne ha recuperato circa una quindicina, di cui alcuni hanno lavorato e stanno lavorando presso il suo ristorante e altri ristoratori della zona. Tutto questo, è bene segnalare, senza avere riconoscimenti di nessun genere  da parte delle istituzioni del territorio.

Ora sta affrontando una nuova sfida e siamo certi che anche questa volta il suo “evento” sarà un favoloso successo

Ad maiora semper Tonino, con grande stima

Matilde Maisto

 

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *