OLIVIERO TOSCANI. Più di 50 anni di magnifici fallimenti > 14 aprile – 30 giugno 2019 > Museo d’Arte della città di Ravenna

Arthemisia / 15 marzo 2019


 OLIVIERO TOSCANI.
Più di 50 anni di magnifici fallimenti
 
Museo d’Arte della città di Ravenna
14 aprile – 30 giugno 2019
Il Comune di Ravenna–Assessorato alla Cultura e il MAR Museo d’Arte della città di Ravenna, presentano dal 14 aprile al 30 giugno 2019 la mostra Oliviero Toscani. Più di 50 anni di magnifici fallimenti a cura di Nicolas Ballario e con l’organizzazione di Arthemisia. Per la prima volta in un museo italiano una mostra che ripercorre la carriera del grande fotografo: oltre 100 fotografie che mettono in scena la potenza creativa e la carriera di Oliviero Toscani attraverso le sue immagini più note. Toscani mediante la fotografia ha fatto discutere il mondo su temi come il razzismo, la pena di morte, l’AIDS e la guerra. Tra i lavori in mostra il famoso Bacio tra prete e suora del 1991, i Tre Cuori White/Black/Yellow del 1996, No-Anorexia del 2007 e decine di altri. Saranno esposti anche i lavori realizzati per il mondo della moda, che Oliviero Toscani ha contribuito a cambiare radicalmente: dalle celebri fotografie di Donna Jordan fino a quelle di Monica Bellucci, oltre ai ritratti di Mick Jagger, Lou Reed, Carmelo Bene, Federico Fellini e i più grandi protagonisti della cultura dagli anni ’70 in poi.  IMMAGINI SCARCABILI DA QUESTO LINK > http://bit.ly/OLIVIERO_TOSCANI_MARNOTA BENE: comunicati stampa e immagini sono da considerarsi a uso esclusivo delle testate MENSILI e SETTIMANALI.Il materiale fornito è sotto embargo fino al giorno della Conferenza Stampa dei vari eventi per i quotidiani e le testate on-line che, se interessati a pubblicare la notizia, possono richiedere all’Ufficio Stampa il comunicato breve redatto ad hoc.Grazie per la collaborazione.Ufficio Stampa Arthemisiapress@arthemisia.it – T +39 06 69380306
Immagine: Oliviero ToscaniAngelo e Diavolo©olivierotoscani

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *