61RL5 :si apre con “Sporte ‘e nummere e caurare ‘e stelle” per la regia di Angelo Serio

Stampa

La nuova rassegna diretta da Gianmarco Cesario apre con un’opera prima di Roberta Frascati per la regia di Angelo Serio

Nuovo Teatro Sancarluccio
via S. Pasquale a Chiaia 49 -Napoli

10 e 11 marzo 2015

Sporte ‘e nummere e caurare ‘e stelle

primo testo teatrale di Roberta Frascati

con la regia di Angelo Serio

interpretato da Roberta Frascati e Eliana Manvati

E’ diretto da Angelo Serio – il regista di teatro e di cinema autore di film e documentari come Annibale Ruccello cut-up del 1997, l’acclamato ISA 9000 del 2001 dedicato all’attrice Isa Danieli, Co’stell’azioni: nel teatro di Enzo Moscato del 2005 – lo spettacolo Sporte ‘e nummere e caurare ‘e stelle in scena al Nuovo Teatro Sancarluccio in via San Pasquale a Chiaia 49, martedì 10 e mercoledì 11 marzo 2015.

Scritto da Roberta Frascati, qui al suo debutto di autrice teatrale, che ne è anche interprete nel ruolo di Pupetta insieme a Eliana Manvati in quello di Titina, lo spettacolo è prodotto da Elios Registrazioni Audiovisive, Roberta Frascati e Manisha Arya. Le scene e i costumi sono di Tiziana Cannavacciuolo; le musiche originali di Federico Luongo; il disegno luci di Nino Perrella; aiuto regia Angelo Sorrentino.

Sporte ‘e nummere e caurare ‘e stelle affronta il tema del destino: c’è davvero un disegno dietro la nostra esistenza? Un filo invisibile che ci muove come marionette? O siamo noi a decidere dove andare e quale strada percorrere? Ad interrogarsi al riguardo due donne: Pupetta e Titina.

«La pièce – dichiara Roberta Frascati – è una sorta di esercizio dell’immaginazione volto a fermare sulla carta riflessioni su un qualcosa di molto comune, ovvero quella che nel testo definisco ‘a sciorta, e che per tutti sono il fato e il destino. E’ partendo da questo, dal divertimento che mi procurava il ragionare intorno a questo concetto che nasce il testo vero e proprio. La scelta della lingua napoletana non è casuale: la sua capacità evocativa, la potenza con la quale è in grado di rimandare allo spettatore/lettore immagini assolutamente chiare e inequivocabili, sono le motivazioni che mi hanno spinta al suo utilizzo. Non secondaria la necessità di raccontare temi non comuni, seppure legati all’uomo da sempre, in maniera leggera, semplice, accessibile a tutti, ma non per questo privati del loro spessore».

Nelle note il regista Angelo Serio scrive: «Alla base di tutta la vita c’è il ritmo…Esso consiste di due poli, positivo e negativo, necessari l’uno all’esistenza dell’altro; come nella respirazione, dove le due fasi dell’inspirazione e dell’espirazione coesistono necessariamente, seppure in alternanza, dando luogo quindi non ad un “o-o” ma ad un “e-e”; chi non inspira non può poi non espirare e viceversa. Non è “essere o non essere” ma “essere e non essere”. E di conseguenza non è “destino o libero arbitrio” ma “destino e libero arbitrio”. Nella messa in scena – prosegue ancora il regista – ho cercato di seguire questa duplice natura delle cose, sia per ciò che concerne le scene e i costumi, sia per quanto riguarda la musica e le luci. La necessità dell’alternanza continua delle forme, in un continuo pieno e vuoto, fisico e mentale, è dettato dall’esigenza di tenere sempre presenti le basi dell’esistenza stessa, in quella fondamentale presenza ritmica che consente l’Essere e il non Essere». La durata dello spettacolo è di 1 ora circa.

Nuovo Teatro Sancarluccio, via San Pasquale a Chiaia 49, Napoli

Orari spettacoli: martedì e mercoledì ore 21.00

Info e contatti tel. 081 4104467 – 081 5448891 | sito web: www.nuovoteatrosancarluccio.it

HERMES COMUNICAZIONE

Gianmarco Cesario (3804932026)

Antonio Mocciola (3920368048)

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *