Accoltellato a Chiaia – Presi i presunti aggressori

Nei giorni scorsi, è balzata ai tristi onori della cronaca una rapina nel corso della quale un 35, per difendere due ragazze, si è trovato vittima di un accoltellamento –
Ma la perspicacia operativa degli uomini del Commissariato di San Ferdinando ha portato, nella prima mattinata, al fermo dei due presunti aggressori, minorenni, che ora sono entrambi indiziati di rapina aggravata e uno dei due di tentato omicidio –
La professionalità operativa dei colleghi ha portato a creare un impianto accusatorio fondato su indumenti ancora sporchi del presunto sangue della vittima ed al rinvenimento della pistola usata per effettuare la rapina –
“I colleghi, – dichiara Giulio Catuogno, Segretario Generale Provinciale del Sindacato indipendente Co.I.S.P. – con questa attività, hanno dimostrato, ancora una volta, che le risposte della Polizia di Stato sono immediate e portano a brillanti risultati”.
“Spesso – continua Catuogno – la popolazione si stupisce della celerità d’azione degli operatori di Polizia ma, questa Segreteria, invece, è cosciente della professionalità che ogni giorno scende in campo a tutela della sicurezza della cittadinanza tutta” –
“Infatti, il continuo verificarsi di certi eventi delittuosi – asserisce ancora Giulio Catuogno – non è certamente dovuto alla scarsa opera di controllo da parte degli operatori, ma alla ormai cronica carenza di personale e di logistica con cui ci si ritrova malamente a convivere nel territorio partenopeo, difficile da tenere a bada con i mezzi in possesso” –
“Ancora una volta – conclude Catuogno – ringraziamo i colleghi per la tenacia e l’abnegazione con cui, quotidianamente, affrontano la miriade di problematiche derivanti da una pessima gestione ministeriale che continua, imperterrita, a considerare l’intricato e complesso territorio napoletano alla stregua di altre città, lasciando gli scarni rinforzi giunti nell’ultimo periodo perfino senza uniformi per poter degnamente rappresentare la Polizia di Stato”

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *