Agenda teatrale dall’11 al 17 aprile 2016 in Campania, programmata dal Teatro Pubblico Campano

Agenda teatrale, dall’11 al 17 aprile 2016, in Campania, programmata dal Teatro Pubblico Campano

Teatro Garibaldi di Santa Maria Capua Vetere

Info 0823799612

Martedì 12 aprile, ore 21.00

 

Teatro La Provvidenza di Vallo Della Lucania

info 0974717089

Mercoledì 13 aprile, ore 20.45

 

Gli Ipocriti

presenta

 

Signori in carrozza!

di Andrej Longo

 

con

Giovanni Esposito, Ernesto Lama, Paolo Sassanelli

Gaia Bassi, Marit Nissen, Ivano Schiavi, Sergio Del Prete

 

piano Salvatore Cardone, violino Ruben Chaviano

chitarra Luca Giacomelli, percussioni Emanuele Pellegrini

chitarra e banjo Luca Pirozzi, contrabbasso Raffaele Toninelli

 

elaborazioni musicali Musica da Ripostiglio – Salvatore Cardone

scene Luigi Ferrigno, costumi Moris Verdiani, coreografie Carlotta Bruni

 

regia Paolo Sassanelli

 

Un’occasione straordinaria! Siamo nel dopoguerra, tra la fine degli anni ’40 e gli inizi degli anni ’50.

Un gruppo di attori meridionali viene a conoscenza che stanno decidendo di ripristinare la linea ferroviaria denominata La Valigia delle Indie (India Mail) attiva tra il 1870 e il 1914; questo treno, postale-merci-passeggeri, partiva dalla Gran Bretagna e attraverso Francia e Italia, giungeva a Brindisi dopo 42 h e 30’. I passeggeri lasciavano il treno e si imbarcavano sul Piroscafo Postale Inglese, diretto a Porto Said e, dopo 17 giorni di viaggio, approdavano a Bombay. La notizia pervenuta al gruppo di artisti è che su questo treno e sul piroscafo, i passeggeri sarebbero stati allietati da uno spettacolo di varietà; quindi, si recano a Brindisi, dove sapevano di trovare ospitalità in un teatro semidistrutto dalla guerra. Giunti sul posto tentano di sistemarsi alla meglio in palcoscenico in modo da poter provare il piccolo spettacolo che avrebbero sottoposto alla compagnia ferroviaria.

Grande sorpresa! Incontrano in palcoscenico quattro musicisti ed una famosa cantante-attrice che, avendo appreso la stessa notizia, erano giunti lì con lo stesso scopo.

Iniziano le rivalità: ciascun gruppo è intenzionato a sfoggiare il suo repertorio provando pezzi famosi di artisti di varietà, macchiette, canzoni, ecc… con l’intento di affermare la superiorità degli uni sugli altri. La convivenza forzata fa nascere dei sentimenti e dei legami importanti e, alla fine, tutti comprendono che le differenze sono talmente poche e tali da poter preparare e proporre un unico spettacolo. A tirare le fila delle loro azioni, sarà uno strano personaggio che vive e ama quel teatro.

Parte importante dello spettacolo è la musica dal vivo eseguita dal gruppo Musica da Ripostiglio con l’apporto di un pianista e di un violinista.

La Valigia delle Indie

Per raggiungere le sue colonie indiane via mare, la Gran Bretagna doveva far percorrere alle proprie navi il periplo dell’Africa doppiando il Capo di Buona Speranza con un viaggio che durava cento giorni. Questo collegamento, noto come la Valigia delle Indie, era in origine principalmente un servizio postale. Nel 1829 le cose cambiarono allorché Thomas Waghorn, un ex ufficiale della Royal Navy, propose di passare attraverso l’Egitto ed il Mar Rosso; in tal modo per raggiungere Bombay il viaggio si sarebbe ridotto a 60 giorni.

Poiché il Canale di Suez sarà aperto solo nel 1869, questo nuovo percorso prevedeva che le navi provenienti dall’India giungessero a Suez dove merci e passeggeri trasbordavano, quindi pervenivano ad Alessandria d’Egitto a dorso di cammello, attraverso il deserto. Qui i piroscafi della Peninsular and Oriental (P&O) salpavano dirigendosi verso lo stretto di Gibilterra e, attraversatolo, costeggiando la penisola iberica fino allo stretto della Manica, raggiungevano Dover e si era finalmente in patria.

Dal 1839 avvenne un’ulteriore modifica del percorso: il collegamento navale fu limitato da Alessandria al porto di Marsiglia e da qui, via terra, merci e passeggeri giungevano a Boulogne. Non restava che traversare la Manica per essere in Gran Bretagna. Con lo sviluppo ed il progresso della rete ferroviaria francese, dopo lo scalo di Malta, i piroscafi della P&O provenienti da Alessandria d’Egitto terminavano il loro viaggio a Marsiglia; da qui si proseguiva in treno fino a Calais, passando per Lione e Parigi.

Dopo l’unità d’Italia, a seguito dei lavori di scavo del Canale di Suez iniziati nel 1859, il neonato governo propose alle autorità britanniche di utilizzare per la Valigia delle Indie il percorso italiano in alternativa a quello francese, pur sapendo che la rete ferroviaria e lo stato dei porti non permettevano un utilizzo immediato delle strutture. Tuttavia, proprio nel 1862, fu comunque attivato un primo collegamento marittimo tra Ancona ed Alessandria con scalo a Brindisi utilizzando quattro piroscafi della Società Italiana Adriatico-Orientale.

Nel 1869 la validità del percorso alternativo italiano, studiato con attenzione dagli Inglesi, mostrò i suoi vantaggi a seguito di una Valigia delle Indie supplementare che la P&O aveva messo in essere attraverso il territorio italiano, con imbarco nel porto di Brindisi ed arrivo ad Alessandria con l’impiego di una compagnia di navigazione italiana.

Fu il 25 ottobre del 1870 che la Valigia transitò ufficialmente per la prima volta attraverso la penisola con imbarco a Brindisi sul piroscafo Delta, il primo della P&O ad approdare in città. Tuttavia, anche se il Canale di Suez era stato inaugurato l’anno precedente, la Valigia faceva scalo ancora nel porto di Alessandria. Da qui, con il treno, i viaggiatori e le merci venivano trasportati sino a Suez per continuare il viaggio attraverso il Mar Rosso sino a raggiungere Bombay.

Questo treno di lusso, inaugurato venerdì 18 luglio 1890, fu denominato Peninsular Express e, partito da Calais, toccava Parigi, Digione, Torino, Piacenza, Bologna, Ancona, Foggia, Bari e infine Brindisi. In realtà la cosa era nata nel 1879 quando al centro del treno postale per l’India fu attaccato un vagone letto della CIWL limitatamente alla tratta Calais – Bologna. Nel 1886 il servizio fu esteso fino a Brindisi.

Tornando al Peninsular Express, esso si inseriva nel collegamento Londra – Bombay, viaggio che veniva effettuato per treno da Londra a Dover, per battello da qui a Calais, nuovamente per treno fino a Brindisi ed infine per nave, attraverso il Canale di Suez, fino a Bombay.

Il tragitto Londra – Brindisi, secondo le pubblicità dell’epoca, era coperto in appena 45 ore. Cosa strana è che il viaggio era programmato solo per l’andata in India. La partenza da Londra era settimanale, il venerdì, alle ore 15,15; alle 23 si era a Parigi per poi viaggiare l’intera notte, tutto il sabato, ancora una notte per giungere alle 16 della domenica a Brindisi. Dopo una sosta di sei ore ci si imbarcava per Bombay che veniva raggiunta dopo alcuni giorni di viaggio.

Nel 1897 la compagnia di navigazione P&O destinò al porto di Marsiglia i suoi grossi piroscafi, lasciando in esercizio a Brindisi solo Iris ed Osiris, due battelli più piccoli e più veloci diretti a Port Said. Nonostante il rinnovo delle convenzioni, lo scalo brindisino assumeva sempre meno importanza per la compagnia britannica, tanto che gli approdi furono ridotti da quindicinali a mensili.

Questa situazione di precarietà si protrasse fino al 1914, quando, allo scoppio della prima guerra mondiale, dopo circa 40 anni, la Valigia delle Indie fu soppressa definitivamente.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Teatro Ricciardi di Capua

Info 0823963874

Giovedì 14 aprile, ore 21.00

 

Commedia Futura

presenta

 

Eduardo Tartaglia e Veronica Mazza

in

 

La paura che ti fai.

Sveglia e vinci!

due strane storie vesuviane scritte e dirette da Eduardo Tartaglia

 

con Massimo De Matteo

 

E’ uno spettacolo, del quale lo stesso Tartaglia è autore, regista ed interprete principale assieme a Veronica Mazza e Massimo De Matteo. Lo spettacolo si compone di due atti unici, “La paura che ti fai” e “Sveglia e Vinci!”, che coniugano momenti di estremo divertimento ad attimi di autentica commozione, nel solco della più nobile tradizione drammaturgica napoletana.

L’originalità delle tematiche rappresentate, la modernità del linguaggio, il ritmo incalzante della narrazione, la linearità dell’impianto scenico, la freschezza dei protagonisti, sono i fattori che hanno decretato la particolare fortuna di questo testo, da cui è stato tratto il primo dei tre film di Tartaglia, “Il mare, non c’è paragone”, prodotto e distribuito dalla Medusa Film nel 2001 e registrato lo scorso anno da Rai 3 nella prestigiosa rassegna “Palco e Retropalco” diretta da Maurizio Costanzo.

I due atti unici in argomento, le due strane storie vesuviane, rappresentano nel disegno dell’autore due momenti distinti, ma non separati, di un’unica riflessione: segmenti e tappe di un percorso unitario.

L’ambientazione vesuviana che li accomuna, più che di un occasionale coincidenza geografica, è il filo conduttore, sentimentale ed emotivo di tutto lo spettacolo; il motivo che salda, in maniera ora dichiarata addirittura, forse, inconsapevole, personaggi, vicende e destini diversi.

Ne “La Paura che ti fai”, un professore ed un bidello intrappolati nello scantinato di una scuola forse in seguito all’eruzione del Vesuvio. Di personalità e temperamento diversissimi, attraverso divertimenti e divertentissime incomprensioni, piccole ripicche, accenni di litigi poi sempre sopiti, giungeranno a cercare e a trovare quelle affinità, quelle parentele morali che neanche sospettavano di avere e che consentiranno loro di affrontare “insieme”, ciò che è… di là da venire.

Non si richiede nessuna impegnata lettura “in contro luce”, per cogliere nel finale un semplice messaggio, se non di fratellanza, certo di solidarietà. Che poi tale messaggio venga da un fantomatico paese tra il mare ed il Vesuvio è di sicuro un segnale molto forte.

Ma è un segnale al quale, evidentemente, non si è saputo e non si è voluto rinunciare.

In “Sveglia e vinci”, una esilarante giostra colorata di personaggi “improbabili” (eppure ahinoi quanto vicini alla realtà…), ruota attorno ad una “Orwelliana” lotteria, in cui si vince “…solo se il malato esce dal coma proprio in quei dieci minuti del collegamento in diretta via satellite per tutta Europa…”

Commozione e speranza, ma anche cupidigia e meschinità, affollano il capezzale di un’inconsapevole vittima predestinata, che non vuole, però, arrendersi ad un ruolo di “non protagonista”.

 

 

Teatro Comunale Costantino Parravano di Caserta

info 0823444051

Da venerdì 15 a domenica 17 aprile

(feriali ore 20.45, domenica ore 18.00)

 

Compagnia Enfi Teatro

presenta

 

La scena

di Cristina Comencini

 

con Angela Finocchiaro, Maria Amelia Monti e Stefano Annoni

 

scene e costumi Paola Comencini

 

regia Cristina Comencini

 

Due amiche mature leggono una domenica mattina una scena di teatro che una delle due deve recitare l’indomani.

I loro caratteri opposti si rivelano subito dal modo in cui sentono e interpretano il monologo: per Lucia, attrice, quelle righe raccontano fragilità e temibili tempeste dell’anima; per Maria, dirigente di banca separata e madre di due bambini, le tempeste della scena sono allegri ed erotici terremoti interni, occasioni di vita.

Due femminilità opposte. Lucia ha rinunciato alla passione, all’idea di avere un uomo nella vita, si accontenta di amare i personaggi molto più interessanti che incontra sul palcoscenico. Maria invece senza un uomo non può stare, senza fare l’amore, senza illudersi di avere finalmente incrociato quello giusto. Come l’ultimo, agganciato la sera prima a una festa in cui ha bevuto troppo, e di cui non ricorda esattamente il nome né l’età ma che – lei sostiene – potrebbe essere proprio l’atteso. Anche se risvegliandosi al mattino, non l’ha più trovato nel suo letto.

Eccolo, invece, apparire in mutande, un giovane ragazzo di meno di trent’anni. Si era messo a dormire nella stanza dei bambini (fuori col padre per il fine settimana) perché la donna, di cui ricorda solo l’esuberanza fisica, russava. Davanti agli occhi esterrefatti di Lucia, il ragazzo la scambia per Maria. Un po’ per liquidarlo, un po’ per divertimento, Lucia interpreta la parte dell’amica disinibita e Maria, rientrata con il caffè, è costretta a recitare il ruolo della sua amica severa e moralista. Finché il gioco tra loro, sotto lo sguardo allucinato del ragazzo, non regge più e le due si rivelano a lui nelle loro vere identità. E il ragazzo chi è? Un giovane uomo cresciuto da una madre imperiosa e assolutista: ” Come voi due.”, rivela lui ingenuamente. Le due donne lo interrogano, lo prendono in giro, gli fanno scuola di vita. Ma non prevedono la sua reazione, la rabbia che ha in corpo, la consapevolezza della sua fragilità e della sua forza senza sbocco.

Su sponde opposte, le due donne e il ragazzo scoprono di vivere nello stesso mondo tutto da rifare perché “… il passato sono solo muri sventrati, case terremotate da cui si deve fuggire…”, come dice la scena che Lucia deve interpretare il giorno dopo, e anche quella che i tre hanno appena recitato insieme sul palcoscenico, che forse resta il solo luogo veramente libero del mondo.

La comica immersione di un ragazzo nella vita e nei sentimenti femminili, la scoperta di due donne delle pulsioni, le rabbie e le fragilità di un giovane uomo, la comune ricerca d’amore e di libertà in un mondo mutante.

 

 

 

 

 

 

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *