Agenda teatrale dall’11 al 17 gennaio 2016 in Campania, programmata dal Teatro Pubblico Campano

Teatro Diana di Nocera Inferiore
info 3347009811
Martedì 12 gennaio, ore 20.45

Teatro Ricciardi di Capua
Info 0823963874
Mercoledì 13 gennaio, ore 21.00

Teatro Massimo di Benevento
info 082442711
Giovedì 14 gennaio, ore 20.45

Teatro Comunale Costantino Parravano di Caserta
info 0823444051
Da venerdì 15 a domenica 17 gennaio
(feriali ore 20.45 – festivi ore 18.00)

Ente Teatro Cronaca Vesuvioteatro
presenta

Carlo Buccirosso in

Il divorzio dei compromessi sposi
liberamente tratto dal romanzo di Alessandro Manzoni
scritto e diretto da Carlo Buccirosso

con Rosalia Porcaro
e Gino Monteleone e Nunzia Schiano
e Antonio Pennarella, Peppe Miale, Claudiafederica Petrella,
Giordano Bassetti, Giuseppe Ansaldi
ensemble Alessandra Calamassi, Elvira Zingone, Alessia Cutigni, Alessia Di Maio, Sergio Cunto, Mauro De Palma, Matteo Tugnoli, Giancarlo Grosso.

musiche Diego Perris
luci Francesco Adinolfi
coreografie Rita Pivano
scene Gilda Cerullo
costumi Maria Pennacchio
direzione musicale Gabriella De Carlo
aiuto regia Martina Parisi
foto Gilda Valenza
parrucche Anna Maria Sorrentino

Don Rodrigo, usuraio dell’entroterra campano, emigrato sulle rive del lago di Como, con i propri scagnozzi, per tentare di rivitalizzare la propria attività fnanziaria minata ormai dalla crisi crescente e dalla concorrenza di similari organizzazioni locali, si invaghisce di Lucia Mondella, futura sposa di Renzo Tramaglino, giovani di modeste famiglie contadine irrimediabilmente compromesse dai legami di usura intrapresi col suddetto Rodrigo, a tal proposito fermamente deciso a sperimentare, loro malgrado, il primo caso di “separazione prematrimoniale, non consensuale, a tasso di interesse fsso”!
La storia, pur mantenendo per sommi capi lo sviluppo del noto romanzo manzoniano, trova nei caratteri dei singoli personaggi, da Perpetua ad Agnese, da Don Rodrigo a don Abbondio, dai Bravi all’Innominato, l’originale chiave di lettura satiro-farsesca, e nel linguaggio musicale degli stessi, attraverso canoni famose riadattate e riambientate in atmosfere e melodie seicentesche, la classica struttura della tradizionale operetta musicale!
L’uso poi di svariati dialetti, dal toscano al bergamasco, dal calabrese al napoletano, dall’emiliano al siculo, e la vorticosa girandola di numerosi personaggi minori, interpretati dai componenti del corpo di ballo, attraverso canzoni e coreografe, completano la struttura di uno spettacolo che trova i suoi innegabili punti di forza nella tradizione teatrale e nel divertimento della più classica delle satire popolari!
Teatro Eduardo De Filippo di Agropoli
Info 0974282362, 3383096807
Martedì 12 gennaio, ore 20.45

Elimar srl
presenta

Gianluca Guidi
in

That’s Life – Sinatra Tribute

Francis Albert Sinatra, più comunemente noto come “Frank” Sinatra, nacque a Hoboken (New Jersey) il 12 dicembre 1915. Si festeggia, dunque, quest’anno il centenario dalla nascita.
Con uno spettacolo della durata di 1 ora e 45 minuti, accompagnato da Michele Di Martino al pianoforte, Tommaso Scannapieco al Contrabbasso, Amedeo Ariano alla batteria, Gianluca Guidi percorre un vero e proprio viaggio/tributo in onore del grande artista Americano.
Autori come Cole Porter, George Gershwin, Richard Rodgers, Sammy Cahn che hanno contribuito a scrivere la storia della canzone Americana, sono destinati all’immortalitò grazie anche alla longeva e straordinaria carriera di Frank Sinatra, che ha accompagnato, con la sua musica almeno quattro generazioni.
Sinatra è stato e rimarrà la più straordinaria voce pop che il mondo abbia ascoltato. Una vita, la sua, tra le più longeve della storia musicale mondiale.
Bing Corsby ebbe a dire”…di voci come quelle di Sinatra ne nasce una ogni secolo … purtroppo io sono capitato nello stesso secolo suo…”.
L’uomo Sinatra, controverso per molti motivi, capace di incantare sul palcoscenico milioni di persone in tutto il mondo.
E’ quindi doveroso, passato il suo “secolo”, celebrarlo anche in Italia, per mano, o meglio “per voce” di chi ne è rimasto incantato fin da bambino, complici anche I numerosi dischi ben in vista nello studio della casa in cui viveva da piccolo. Gianluca vive la sua prima giovinezza e poi l’adolescenza controccorrente rispetto ai suoi amici.
Il primo album trovato e ascoltato da Gianluca è “It Might as Well be Spring” con l’orchestra di Count Basie diretta da Quincy Jones.
Il “suo” primo disco di Sinatra è l’album live del concerto al Madison Square Garden di New York del 1974 che Gianluca baratta con un suo amico in cambio di un album di un gruppo Rock chiamato The Ramones.
Da qui in poi un “amore” eterno verso colui che lo ha fatto sognare a dispetto delle mode o tendenze più in voga.

Teatro Roma di Portici
info 081472662
Mercoledì 13 gennaio, ore 20.45

Ventottodieci Produzioni, Laprimamericana, Musicant
presentano

Atletico Minaccia Football Club
tratto dall’omonimo romanzo di Marco Marsullo (Ed. Einaudi)

con
Stefano Sarcinelli, Gigi Savoia, Barbara Begala, Valentina Di Leva

adattamento e regia Fabrizio Bancale
Uno spettacolo che ruota intorno al mondo del calcio.
Avete presente allenatori e giocatori di serie A, con stipendi faraonici, osannati da masse oceaniche di tifosi che manco le rock star; sempre sulle prime pagine di rotocalchi e settimanali rosa; e capaci di tenere col fiato sospeso interi Paesi per una pubalgia o un’unghia incarnita? Ecco, dimenticatevi tutto questo! Il nostro spettacolo ruota intorno al mondo di un altro calcio, quello delle serie minori, dei gironi d’Eccellenza. Quello praticato da giocatori non professionisti che, per arrivare a fine mese, sono costretti ad un doppio, se non triplo, lavoro; su campetti di periferia, semideserti e malandati, dove regna l’improvvisazione e il caos.
In questo contesto si muovono i nostri protagonisti: Vanni Cascione, ormai attempato allenatore, affetto da patologica venerazione per Josè Mourinho, ma più tristemente conosciuto per i suoi ripetuti esoneri che per i suoi trionfi sportivi; e Lucio Magia, sedicente direttore sportivo, sempre al verde e assiduo frequentatore di prostitute extracomunitarie.
A far incontrare i destini dei nostri due improvvisati eroi ci pensa l’Atletico Minaccia Footbal Club, la nuova squadra di calcio nata dalle ceneri dell’ex Dinamo Giugliano (sciolta per infiltrazioni camorristiche), e rilevata dall’imprenditore del mobile di truciolato, Eros Baffoni… sì, quello dei mobili col baffo. Che poi, chiamarla squadra di calcio è già un eufemismo. L’Atletico Minaccia si presenta più come un’improvvisata e disarmante armata Brancaleone: l’attaccante è schiavo di una colite cronica e lancinante che non gli consente di giocare più di dieci minuti; il mediano è un clandestino africano schierabile solo in trasferta, perché in casa è piantonato dalla polizia; un portiere cocainomane; uno stopper detto “Trauma”… e non a caso; un ex concorrente di Sarabanda, e un meccanico!
Con questo materiale umano a disposizione, la promozione si presenta da subito come una chimerica speranza. Se poi si aggiungono complicazioni matrimoniali, crisi sentimentali, dissidi con figli adolescenti…e addirittura le minacce della camorra, allora la sfida di Cascione e Magia si trasforma in un obiettivo a dir poco proibitivo.
Ma la prima regola del calcio secondo Cascione è: la squadra gira se gira l’allenatore. I calciatori sono solo pedine di un gioco più grande di loro. “Ed io sono Vanni calcione, lo Special One di Torre Annunziata. Cento cento!”
Lo spettacolo ironizza sul mondo del calcio, con sguardo cinico e grottesco, per affrontare le tematiche proprie della nostra quotidianità: il lavoro precario, la difficile vita in provincia, i rapporti familiari sempre in provvisorio equilibrio, i compromessi, l’orgoglio personale… Una colorata panoramica sui vizi e le virtù dei nostri tempi, all’insegna dell’ironia e del divertimento.

Teatro Auditorium Tommasiello di Teano
info 0823885096 – 3333782429
Venerdì 15 gennaio, ore 20.45

Teatro Garibaldi di Santa Maria Capua Vetere
Info 0823799612
Sabato 16 gennaio, ore 21.00

Musicaè Management
Presenta

Lino D’Angiò in

Da grande voglio fare il sindaco
di Lino D’Angiò e Maurizio De Angelis

“La mia non è ne una discesa ne una salita, semplicemente una rimasta in campo”. E’ con queste parole che il noto trasformista partenopeo Lino D’Angiò, annuncia la sua decisione di lanciarsi nell’arena politica italiana. Una scelta presa dopo tante tribolazioni, ma con la consapevolezza che è ormai necessario che qualcuno indichi la giusta via, la terza.
Da Grande voglio fare il sindaco è il titolo del comizio spettacolo con il quale il napoletano sta dimostrando a tutta la Campania che un altro modo di fare politica esiste, il suo. Un programma trasversale, scritto per la gente e portato nei teatri finalmente da uno che quelle tavole ben le conosce.
Il sipario si aprirà finalmente su un professionista dello spettacolo, non uno dei tanti improvvisati che in questi mesi hanno riempito le sale di militanti. Uno che con il suo dissacrante comizio metterà alla berlina tutti i suoi avversari. Meglio essergli amico che nemico, è la regola non scritta da anni rispettata da tutti i maggiori esponenti delle correnti politiche nazionali.
Per annunciare il proprio endorsement al candidato Lino D’Angiò, sulle tavole del teatro, ci saranno esponenti del mondo politico, culturale e religioso del calibro del cardinale Crescenzio Sepe, Giorgio Napolitano, Aurelio De Laurentiis, Nino D’Angelo, Gennario D’Auria, Vincenzo De Luca e Luigi De Magistris.
Una vera e propria consegna del testimone che darà a D’Angiò l’opportunità di coronare quelle che da sempre sono le speranze di un giovane e brillante napoletano che ha avuto un solo sogno, ossia quello di raggiungere la poltrona più ambita, ma allo stesso tempo più scomoda, per un cittadino partenopeo.
Da grande voglio fare il sindaco è il naturale porto d’arrivo per un artista che nelle figure politiche ha storicamente attinto a piene mani. “Per conoscere i cittadini si deve cominciare dal primo, ma allo stesso tempo non bisogna tralasciare le tante piccole sfaccettature che caratterizzano il nostro essere meridionali” commenta così l’attore il suo ultimo spettacolo. “L’essere meridionali nasce da uno strano mix di superstizione, religiosità, politica gridata che i personaggi che da sempre ho personificato negli anni di spettacolo mi hanno permesso di approfondire.
Credo, grazie a loro, di essere diventato un profondo conoscitore della cultura napoletana e di larga parte del sud d’Italia”. Prima di cimentarsi con la stesura di Da grande voglio fare il sindaco, Lino D’Angiò si è assicurato centinaia di repliche per Natale in casa Bassolindo, Spasso dopo spasso in casa Bassolindo, Il Codice D’Angiò e Faccio…Piazza pulita, piéce teatrali scritte di proprio pugno.
Fortunata anche la produzione al di fuori del palco, in particolare per il piccolo schermo. Da anni D’Angiò scrive e conduce programmi televisivi.
Il primo di successo, TeleGaribaldi, è diventato in breve trampolino di lancio per diversi comici napoletani del calibro di Biagio Izzo, Rosaria De Cicco, Rosalia Porcaro, I Ditelo voi, Lisa Fusco, Antonio e Michele e Alessandro Siani. Avanzi Popolo! – The Original, Facciamo …Piazza pulita, Il codice D’Angiò sono solo alcuni degli altri programmi che hanno portato l’attore napoletano nel programma di Antonio Ricci Striscia la notizia e a diverse apparizioni in programmi delle televisioni nazionali, quali La posta del cuore con Sabina Guzzanti, Quelli che il calcio con Simona Ventura e Fenomeni con Piero Chiambretti. Ultimo, in ordine di tempo, lo strepitoso esperimento del Tg D’Angiò, realizzato con una serie di approfondimenti giornalistici e notizie straNordinarie sulla pagina napoletana del sito repubblica.it.
Teatro Politeama di Torre Annunziata
Info 0818611737, 3381890767
Venerdì 15 gennaio, ore 20.45

Teatro delle Arti di Salerno
info 089221807
Sabato 16, ore 21.00, e domenica 17 gennaio, ore 18.30

Marisa Laurito e Charlie Cannon
in

Sud and South
Amici per la pelle…in concerto

Sud and South è un concerto – spettacolo esuberante, vitale e creativo come il Sud. Ha come protagonisti due personaggi del Sud molto diversi tra loro ma anche molto simili, perché uniti dallo stesso mood: Marisa Laurito e Charlie Cannon.
Sud and South racconta l’umore e la passione della gente del Sud attraverso un viaggio nella musica… una straordinaria musica che accomuna ed ha reso famose ed eterne, canzoni… capolavori napoletani, spagnoli ed sudamericani. Sud and South si avvale della firma di acclarati professionisti. Uno spettacolo che viaggia sull’eterno ed affascinante tema dell’amore e non solo.
Un concerto che si diverte e fa divertire il pubblico, che viene spesso coinvolto nelle improvvisazioni di Marisa Laurito accompagnata da uno straordinario cantante solista, Charlie Cannon, artista molto apprezzato nel mondo della musica.
Un’artista che ha accompagnato molte importanti voci italiane: Milva, Renato Zero, Zucchero, Ornella Vanoni. Un protagonista straordinario che con la sua voce potente e melodica riesce a regalare emozioni ed energia senza fine.
Marisa Laurito, in questo spettacolo concerto, riprende tra le mani le redini della sua tradizione, la canzone napoletana. Dopo il grande successo come protagonista, di uno spettacolo che ha fatto epoca e che è rimasto nel cuore del pubblico, “Novecento Napoletano“ per la regia di Bruno Garofalo, Marisa ritorna sulla scena della musica napoletana in veste di chansonnier e tra una canzone e una butade, dialoga, improvvisa ed appassiona il pubblico cantando insieme a Charlie e interpretando successi internazionali oltre alle canzoni napoletane, che sono nel cuore di tutti.
Charlie e Marisa insieme, sprigionano la loro felicità di cantare e interpretare canzoni che hanno appassionato il pubblico di tutto il mondo, le canzoni della tradizione che fanno cantare tutti e che rappresentano il meglio della musica napoletana, americana e spagnola in Italia e all’estero.
La loro energia e gioia di stare in scena è contagiosa, così come la loro passione per il Sud, alla quale dedicano questo spettacolo, che parte dalle piazze italiane, per arrivare ai teatri stranieri, portandosi dietro tutti gli aromi, il gusto e la gioia di vivere del Sud di molti paesi, ma soprattutto dell’Italia.
La regia di questo concerto spettacolo è firmata da Marisa Laurito, i colorati costumi sono di Graziella Pera, la direzione musicale di Marco Persichetti.
Sud and South è uno spettacolo gioioso e senza tempo che nasce dalla voglia di cantare un mondo che non morirà mai e che continuerà a far sognare nuove generazioni grazie alle fantastiche melodie senza tempo.
Uno spettacolo che nasce dalla voglia dei protagonisti di divertire e divertirsi ed il risultato di questa armonia e vitalità lo fa diventare uno spettacolo di travolgente intrattenimento.

Teatro Magic Vision di Casalnuovo
Info 0818030270, 3292180679
Venerdì 15 gennaio, ore 20.45

Teatro Minerva di Boscoreale
info 3664512310
Sabato 16 gennaio, ore 20.45

Che Spettacolo sas
presenta

Benvenuti a…
di Giacomo Rizzo

con Giacomo Rizzo, Diego Sanchez, Antonella Elia

regia Giacomo Rizzo

Il nuovo spettacolo di e con Giacomo Rizzo e Diego Sanchez con la partecipazione di Antonella Elia. Lo spettacolo riporta in scena il vero varietà fatto di costumi sfavillanti , sensuali ballerine, musiche suonate dal vivo, sketch e canzoni che hanno fatto la storia dello spettacolo internazionale. Un connubio di emozioni, situazioni esilaranti e numeri di gran classe fanno si che lo spettatore venga letteralmente rapito. Una compagnia di veri artisti racconta l’evoluzione del Varietà dal 1800 ai giorni nostri, costruendo un vero e proprio viaggio che ripercorre tutte le tappe salienti di oltre 100 anni di tradizione, partendo dal Café Chantant per poi passare all’Avanspettacolo , passando per la sceneggiata e la Rivista fino ad approdare ai moderni Musical. Tra motivetti da canticchiare, accattivanti coreografie ed esilaranti situazioni comiche il pubblico diventerà parte integrante di un grande spettacolo.
Teatro Carlo Gesualdo di Avellino
info 0825771620
Sabato 16, ore 21.00, e domenica 17 gennaio, ore 18.30

Balletto di Mosca – Le Classique
presenta
La bella addormentata
con L’orchestra del Teatro Gesualdo
musiche P.I. Tchaikovsky

Sulle immortali note di Tchaikovsky e attraverso le straordinarie coreografie di Marius Petipa, la fiaba della Bella addormentata rivivrà nelle perfette movenze del Balletto di Mosca – La Classique, con le musiche originali eseguite dal vivo dall’Orchestra del “Carlo Gesualdo” di Avellino.
Il palcoscenico del teatro comunale irpino si trasformerà nella corte di re Floristano, dove
si festeggia la nascita della principessa Aurora; fra gli invitati le buone fate del regno offrono i loro doni augurando ogni bene all’erede.
Furiosa per non essere stata invitata alla festa giunge la perfida maga Carabosse. Nonostante le preghiere della corte esse, come “dono” lancia una maledizione: il giorno del suo sedicesimo compleanno troverà la morte pungendosi con un fuso.
All’appello delle fate manca la buona fata dei Lillà che, avendo ancora in serbo il suo dono, trasforma la morte irreparabile in un lungo sonno che coinvolgerà tutta la corte e che avrà fine solo grazie al bacio di un giovane principe.
Nei giardini reali si festeggia il sedicesimo compleanno della principessa, ogni fuso è stato bandito dal regno ed il suo uso vietato. Appare Aurora che, bellissima, e ammirata da tutti, viene corteggiata da quattro pretendenti giunti da altri regni per chiederelasuamano.Tutteleattenzionisonoperleienessunosiaccorgedell’arrivodiCarabosseche,travestitadavecchia,leporgeunfuso.Auroraneèincuriosita,nonhamaivistounoggettodelgenere,lotoccaeferitacadeaterratramortita.Lamaledizioneèquasicompiuta,CarabossecantavittoriamavienesubitofermatadallafatadelLillàconilsuodonochetrasformailmaleficioinincantesimo.Ilgiardinovieneavvoltoinunmagicotorpore,mentretuttisiaddormentano.Sonotrascorsicentoanni.IlprincipeDesiréelasuacortesonoacaccia.Improvvisamentel’atmosferacambiaedeglisitrovamagicamenteinunmondodisognodovelafatadeiLillàloconducedaAurora.Allavisionedellabellaprincipessa,Desirécadeperdutamenteinnamorato.Ritornatoallarealtàilprincipecontinualabattutadicacciacongliamicimagiuntoconessialvecchiocastelloincantatoriconoscelaragazzadelsognoeirresistibilmente la bacia. L’incantesimo è spezzato. Grande festa di nozze dei due giovani principi.Alla reggia di Floristano molti gli invitati fra cui anche diversi personaggi delle favole di Perrault: Il Gatto con gli stivali e la gatta bianca, L’uccellino blue la Principessa Florine, Cenerentola e il Principe Fortuné, Cappuccetto rosso e il lupo, ecc… Tutti danzano in onore di Aurora e Desiré chechiudonoconil Grand pas de Deux in un’apoteosi di felicità.9\\\\7

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *