AIFVS – Cesare Diana, insieme per sicurezza stradale: protocollata richiesta al comune di Castel Volturno

CASTEL VOLTURNO. Attivo per risolvere i problemi dei cittadini. Il consigliere comunale di Castel Volturno, Cesare Diana, ha protocollato, nella mattinata di venerdì 2 febbraio, una richiesta di impegno per la sicurezza stradale, scaturita dalla forte collaborazione del castellano con il presidente della sezione Aversa ed Agro-Aversano dell’AIFVS (Associazione Italiana Familiari Vittime della Strada), Biagio Ciaramella.

Nel  documento si chiede formalmente a quanto ammontano i fondi provenienti dall’ex articolo 208 della Camera del Senato giunti nelle casse comunali, come questi ultimi vengono utilizzati ai fini della rendicontazione annuale e se il comune ha provveduto ad inviare tempestivamente al Governo (in particolare al Ministero dei Trasporti ed a quello degli Interni) la relazione inerente gli interventi da attuare.

Ritengo sia di fondamentale importanza intervenire per la sicurezza stradale dei nostri territori – afferma Diana in una nota stampa ufficiale -. La nostra Castel Volturno è ricca di insidie, di buche e avvalli stradali, di rotonde che causano feriti, di segnaletica orizzontale e verticale totalmente assente, di illuminazione precaria, di tratti che mettono a dura prova gli ammortizzatori delle nostre auto, costringendo i conducenti a ricorrere sempre più spesso al meccanico di fiducia spendendo soldi su soldi. Vogliamo parlare dell’inondazione che sta avvenendo a due passi dal mare? C’è bisogno di interventi veri, interventi tangibili, di un’amministrazione che sappia scorciarsi le maniche nell’ottica reale dei cittadini, nella mentalità del progresso, ma, soprattutto, della sicurezza. Non possiamo aspettare che passi altro tempo e che ci scappi il morto. Con l’AIFVS– conclude – ho intenzione di avviare una forte collaborazione che miri a migliorare il territorio ed ad educare i conducenti pericolosi”.

 

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *