Alla Borsa del Turismo sono di scena Altavilla Milicia e Capaci

Il Gruppo di Azione Locale Golfo di Castellammare, presieduto da Pietro Puccio, che comprende i comuni siciliani di: Alcamo, Balestrate, Borgetto, Cinisi, Partinico, Terrasini e Trappeto (www.galgolfodicastellammare.it) e l’Associazione Terra Damare, presieduta da Anna Maria Ulisse, ci anticipa presenteranno giovedì 26 alle 11,30 nella Sala Tirreno della Borsa Mediterranea del Turismo, in svolgimento a Napoli alla Mostra D’Oltremare fino al 28 marzo, il piano di sviluppo locale del GAL e il progetto “Country Side Tour – Valorizzazione e Promozione dei Territori Rurali dei Comuni di Altavilla Milicia e Capaci della Provincia di Palermo”. L’obiettivo di Country Side Tour (www.countrysydetour.it) è di promuovere i sentieri rurali ed il patrimonio paesaggistico e naturalistico dei territori al fine di inserire nella mappa turistica regionale Altavilla Milicia e Capaci, due località fino ad ora poco conosciute sotto l’aspetto turistico ma di grande interesse culturale, paesaggistico, religioso ed artistico al fine di allungare la stagione turistica e creare posti di lavoro. Sono questi tra gli interventi finanziati dalla Regione Sicilia attraverso i fondi europei, finalizzati alla valorizzazione del turismo rurale e alla valorizzazione delle produzioni tipiche locali. Per Luigi Amato, consigliere del GAL Golfo di Castellammare, queste due località, che sono rimaste fuori dal GAL e dal programma “Leader”, hanno tutte le carte in regola per presentarsi ad una clientela esigente amante del mare, dei prodotti enogastronomici locali e della pesca, grazie ad una storia comune che le vede entrambe nel Seicento feudi della famiglia bolognese Beccadelli. Da non dimenticare che Capaci, città d’arte, è tristemente nota per l’attentato del 1992 nel quale persero la vita il giudice antimafia Giovanni Falcone e la sua scorta. Il GAL tra i suoi scopi ha il compito di attuare il Piano di Sviluppo Locale, finanziato dalla Regione nell´ambito del PSR Sicilia 2007/2013, che prevede tre linee d´intervento: mettere a sistema e promuovere l´offerta rurale in chiave turistica; far partecipare all´economia turistica tutto il territorio, avvalendosi della realizzazione di piccole infrastrutture e d´itinerari idonei a sviluppare una domanda di turismo rurale e sostenere le imprese agricole, favorendo la distribuzione dei prodotti tipici attraverso le filiere corte e la diversificazione dalle attività tradizionali. Il GAL e L’Associazione Terra Damare, presenti alla BMT nel padiglione 3 con un proprio stand, intendono far conoscere le località, l’artigianato, l’enogastronomia della zona, il patrimonio religioso, le tradizioni di questa parte rilevante del territorio siciliano.

Harry di Prisco

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *