Alla Luvo Barattoli Arzano arrivano le gemelle Ascensao Silva

L'opposta Raquel e la centrale Marlene: Pronte per vincere con le nostre nuove compagne

Doppio colpo della Luvo Barattoli Arzano che si assicura le prestazioni delle gemelle Ascensao Silva. Le giocatrici, di origini capoverdiane, giocheranno agli ordini di coach Paolo Collavini nella prossima stagione. Raquel e Marlene nell’ultima stagione hanno difeso i colori della Proger Friends Roma, mettendosi in particolare evidenza per le loro giocate.

Classe 1991 hanno cominciato a giocare ad Anguillara, il loro paese di origine. Cresciute a pochi passi dal lago di Bracciano hanno continuato a giocare e maturare nella squadra locale portandola dalla prima divisione fino alla B2. Poi è arrivato il grande salto alla Proger Friends Roma. “Adesso siamo pronte per la prima esperienza in Campania -spiega Raquel, l’opposta- mi fa piacere lasciare la Capitale per questa nuova stimolante avventura”.

Insieme nella vita, negli studi, frequentano il dipartimento di Lingue, ma soprattutto nello sport: “Abbiamo sempre giocato insieme -spiega Raquel- ed ovviamente anche ad Arzano le cose andranno in questo modo. Non vedo l’ora di entrare in palestra per cominciare a lavorare con il nuovo gruppo. Conosco coach Paolo Collavini, abbiamo giocato contro in amichevole e sono veramente contenta di essere allenata da lui”.

Raquel lascia la parola alla centrale Marlene, ma prima rivela: “Giocavamo tutte e due al centro. E qualche volta è anche divertente scambiarci i ruoli per confondere le idee alle avversarie. E’ capitato anche questo in passato”.

“Anche io non vedo l’ora di dare il mio contributo -spiega  Marlene Ascensao Silva- spero di fare subito gruppo con le mie compagne. E’ stato sempre questo il segreto del nostro successo ed anche per la nuova Luvo Barattoli Arzano sarà una componente importante. Così come fondamentale l’apporto del caloroso pubblico di casa, non vedo l’ora di poter contare sul loro calore”.

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *