Amore di nonna, dona un rene al proprio nipote, che torna a vivere

 di Daniele Palazzo

GIARRE(CATANIA)-Supernonna, campione di generosità ed amore, compie un gesto di grande affetto ed ammirevole senso della famiglia, donando un rene ad un suo nipote, gravemente malato e, per giunta, in dialisi da circa un anno, a causa di un malanno renale congenito che, suo malgrado, lo accompagnava fin dalla più tenera età. Quel nipote era tutta la sua via. Vederlo nelle condizioni in cui si trovava era uno strazio continuo. E, quando la sorte ha bussato alla sua porta chiedendole di dare un rene al suo amato nipotino, così da restituirlo alla vita, non si è tirata indietro. Anzi, tenendo bene a mente cosa rispose la Vergine Maria all’Angelo che le annunciava la volontà di Dio su di lei, ha gridato forte “…eccomi, sono pronta a qualsiasi sacrificio, anche a morire, se necessario, per la vita di nipote.” Questa bellissima storia, che vede protagonista una donna 56enne e un adolescente di appena 15 anni, entrambi di Giarre, in provincia di Catania, arriva dall’Ospedale “Le Molinette”, di Torino, dove il ragazzino è stato sottoposto, con successo, ad una delicata operazione di trapianto di rene. L’intervento si era reso necessario perché il 15enne, da tempo, in dialisi per il malfunzionamento congenito di un rene, peggiorava di giorno in giorno. Il nobile gesto della nonna gli ha permesso di ritrovare la speranza di vivere una vita dignitosa, restituendogli quella voglia di vivere e quel sorriso che un destino beffardo e il suo brutto status patologico gli avevano tolto del tutto. ”E’ grazie alla mia amata nonna se, adesso, posso sperare di vivere dignitosamente e correre, giocare, vivere, come tutti gli altri bambini della mia età. Le voglio bene e le sarò grato per tutta la vita”. Sono parole, queste, dello stesso ragazzino, che, al momento, è ancora ricoverato presso il reparto di terapia intensiva del nosocomio torinese. Nella stessa struttura sanitaria, è ricoverata anche la sua eroica nonna, il cui esempio, si spera, possa essere seguito da tanti altri donatori, non necessariamente congiunti dei beneficiari, in quanto, sull’intero territorio nazionale, con speciale riferimento al nostro Sud, una vera cultura della donazione è ancora di là da venire.

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *