Arrestata Rosa De Lucia sindaco FI di Maddaloni

BY GIOVANNA PAOLINO

I carabinieri di Maddaloni – Caserta- hanno arrestato cinque persone accusate a vario titolo di corruzione, tentata induzione indebita a dare e promettere qualcosa e peculato in concorso. Tra queste il sindaco del comune di Maddaloni, Rosa De Lucia, eletta in una lista civica di centrodestra, altri amministratori (un assessore e due consiglieri) e un imprenditore. Effettuato il sequestro preventivo per circa un milione di euro.

Agli arresti sono finiti l’assessore Cecilia D’anna, il consigliere comunale Giuseppina Pascarella e l’imprenditore Giuseppe Di Nardo, attivo nei servizi ecologici. In due sono finiti in carcere, tre agli arresti domiciliari. Contestualmente all’esecuzione delle misure cautelari sono state notificate informazioni di garanzia, per il reato di corruzione, a un consigliere di maggioranza e, per peculato, nei confronti del comandante della locale polizia municipale.
Tangenti sulla raccolta rifiuti – La principale accusa contestata al sindaco è quella di tangenti per affidare il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani. Si è appreso che il sindaco in passato aveva subito minacce da lavoratori e riceveva una sorveglianza più stretta, ma nessuna scorta, da parte delle forze dell’ordine.
In particolare, a febbraio 2015 una telefonata arrivata al commissariato di Maddaloni avvertiva che “stasera per il sindaco fa caldo”: subito era scattato l’allarme in quanto De Lucia già tempo prima era stata minacciata, anche personalmente, da alcuni lavoratori: uno di loro, ex dipendente di una ditta che in passato aveva gestito alcune attività al cimitero comunale, la minacciò di morte aggredendola negli uffici del municipio.

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *