BAMBOLINA – Una produzione Cerbero teatro e Fondazione Campania dei Festival

Mercoledì 17 e giovedì 18 giugno al Napoli Fringe Festival, il debutto ufficiale di Bambolina della compagnia CERBERO TEATRO in Sala Assoli.

Bambolina è la storia di una realtà, partenopea e non solo, fatta di supremazie e sottomissioni psicologiche. Ripercorrendo un classico della tradizione come Isso, essa e ‘o malamente, Bambolina si immerge in un mondo, quello popolare, in cui gli atteggiamenti di prepotenza e arroganza riescono a soffocare ogni spiraglio di cambiamento.
La droga fa da sfondo a questo ambiente angusto e rappresenta l’arma bianca con cui si uccidono le migliori intenzioni di una vita difficile da vivere. L’arrivo di un elemento esterno, Nicole, farà crollare quel sottile equilibrio tra poteri che si era instaurato tra i protagonisti.

BAMBOLINA
Con
Adriano Pantaleo
Cristel Checca
Rocco Giordano
Mario Paradiso Jr
Scritto e diretto da Gianni Spezzano
Disegno Luci Nicola Narciso
Consulenza artistica Ivan Castiglione
Organizzazione: Elisa Purpura
Ufficio stampa: Emma Di Lorenzo m.emmadilorenzo@gmail.com
Produzione Cerbero Teatro e Fondazione Campania dei Festival

Mercoledì 17 Giugno ore 21
Giovedì 18 Giugno ore 21
SALA ASSOLI
Vico Lungo Teatro Nuovo, 110
Prenotazioni: 0817944626 e sito del Napoli Teatro Festival www.napoliteatrofestival.it

Cerbero Teatro
Cerbero Teatro nasce dall’incontro/scontro dei due teatranti Gianni Spezzano, drammaturgo, regista e attore, (laurea in Scienze della Comunicazione presso Università di Salerno e BA in Performing Arts presso Link Academy) e Cristel Checca, attrice e regista, (diplomata alla scuola di Beatrice Bracco a Roma e specializzata a New York con Susan Batson, ha continuato il suo percorso formativo lavorando con maestri e pedagoghi provenienti dalla scuola Russa come Anton Milenin e Jurij Alshitz).
I due artisti si sono SCELTI in scena, spinti dalla forte esigenza, e dal desiderio reciproco, di creare e mettere in pratica una forma teatrale nuova, viva, onesta e moderna. I percorsi formativi differenti, il bagaglio culturale e le diverse esperienze lavorative precedenti si fondono in una linea artistica comune per realizzare un connubio ricco ed eclettico.

1

2

3

4

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *