BERNABEI: “DAL DECRETO ALLA LEGGE, LA NOSTRA #SFIDAXIDIRITTI CONTINUA PER CONQUISTARE LA CARTA DEI DIRITTI UNIVERSALI DEL LAVORO”

Martedi 11 aprile sarà una giornata di mobilitazione e confronto per la CGIL di Caserta. Al centro della giornata, la #SfidaXiDiritti, che continua, per conquistare la Carta dei Diritti Universali del Lavoro.

Alle ore 11.00, ci sarà, quindi, un’Assemblea con i lavoratori Flowserve-Worthington di Marcianise, Caserta, alla presenza della segretaria Nazionale Cgil Gianna Fracassi. Alle ore 17.00, invece, la Cgil incontrerà la città di Caserta, a Villa Giaquinto. Al convegno, per discutere dei temi dei diritti del lavoro, interverranno: Camilla Bernabei, Segretaria generale CGIL Caserta, Giuseppe Spadaro, della CGIL di Napoli e Gianna Fracassi, Segretaria Nazionale CGIL.

 

Il 9 aprile 2016, giusto un anno fa, con lo slogan “E’ tua firmala!”, la Cgil aveva lanciato la Sfida per i Diritti chiamando tutti i cittadini a sostenere la proposta di legge di iniziativa popolare sulla “Carta dei diritti” e i tre referendum che la sostenevano: abolizione dei voucher, responsabilità solidale negli appalti, abolizione dell’art.18.

Sono state raccolte più di tre milioni di firme. – ha dichiarato Camilla Bernabei – Il 6 Aprile 2017 L’aula della Camera ha approvato il decreto legge recante disposizioni urgenti per l’abrogazione delle disposizioni in materia di lavoro accessorio, nonché per la modifica delle disposizioni sulla responsabilità solidale in materia di appalti.

Ora che la consultazione è passata al Senato  la nostra #SfidaXiDiritti continua. Affinché il mondo del lavoro, subordinato e autonomo, venga rinnovato da uno Statuto innovativo che preservi  quei diritti fondamentali che devono essere riconosciuti ed estesi a tutti, senza distinzione, indipendentemente dalla tipologia lavorativa o contrattuale, perché inderogabili e universali. Affinché il lavoro renda la vera dignità ad ogni lavoratore”.

 

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *