Bollettino meteo protezione civile regione Campania

S’invitano gli enti e i sindaci secondo le rispettive competenze e responsabilità in materia di protezione civile, a disporre la vigilanza, sul territorio di propria pertinenza

by IOLE VACCARO

Intensificazione della nuvolosità nel pomeriggio associata a precipitazioni sparse a locale carattere di moderato rovescio o temporale.

Pertanto il centro funzionale ha valutato condizioni di criticità ordinaria (codice giallo sulle tutte le zone) a partire dalle ore 16.00 di oggi.

S’invitano gli enti e i sindaci in indirizzo, ambito rispettive competenze e responsabilità in materia di protezione civile, a disporre la vigilanza, sul territorio di propria pertinenza, tesa alla verifica del regolare funzionamento del reticolo idrografico e dei sistemi di raccolta e allontanamento delle acque piovane, al controllo delle aree a rischio frana o soggette a trasporto di materiale solido, nonché delle aree alluvionali individuate nei p.s.a.i. dalle autorità di bacino. si chiede inoltre di prestare attenzione alle zone depresse del proprio territorio, ai sottopassi stradali, ai luoghi e alla rete stradale prossimi a impluvi, canali e corsi d’acqua soggetti ad allagamenti.

Inoltre, in considerazione della prevista intensificazione dei venti, si rende necessario provvedere al controllo delle strutture soggette alle sollecitazioni del vento (ponteggi, alberi, cartelloni pubblicitari, pali, gru, tettoie, ecc.).

Infine gli enti con competenze in ambito marittimo e sindaci dei comuni costieri e delle isole, sono invitati a prestare attenzione alle aree esposte al moto ondoso e di potenziare la vigilanza in mare per assicurare assistenza e soccorso ai natanti che potrebbero trovarsi in difficoltà.

Fonte: <a href=”http://bollettinimeteo.regione.campania.it/wp-content/uploads/2016/02/28.02.2016-BOLL.pdf”>http://bollettinimeteo.regione.campania.it/wp-content/uploads/2016/02/28.02.2016-BOLL.pdf</a>

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *