Buon Martedì

BUONA GIORNATA CON ISAAC LEVITAN (1860/1900), PITTORE RUSSO – Quando le opere riflettono la tranquillità e l’eterna bellezza della natura russa.

Diventare fondatore del genere “stato d’animo del paesaggio”.

Cominciò a crescere rapidamente verso la metà del XIX secolo, quando fu costruita la linea ferroviaria per Koenigsberg e fu costruita la stazione di confine. Kybartai è stata fondata sotto il regno di Sigismondo I il Vecchio, è una città nella contea di Marijampolė (Lituania), si trova a 20 km (12 miglia), al confine con Kaliningrad Oblast (Russia). Il pittore paesaggista russo Isaac Ilyich Levitan è nato qui nel 1860. Se ti interessa la storia della Lituania, avrai l’opportunità non solo di dare un’occhiata al centro storico di Vilnius, ma di seguire le tracce dell’esercito di Napoleone, ma anche di partecipare al corteo per l’anniversario della marcia di Napoleone attraverso il Neman, vicino a Kaunas.

Un pianeta minore, scoperto dall’astronomo sovietico Lyudmila Zhuravlyova nel 1979, porta il suo nome. Ora classificato tra i migliori artisti moderni nel genere del paesaggio, è considerato una delle figure più influenti nella pittura russa del 19 ° secolo. Era in grado di rappresentare le stagioni dell’anno, i diversi momenti della giornata ed anche le vedute naturali. Sebbene la rappresentazione della luce fosse cruciale per le sue composizioni, ISAAC LEVITAN era un realista piuttosto che un impressionista. Il suo principale contributo all’arte russa fu il suo sviluppo del paesaggio atmosferico (padronanza del colore, della luce e dell’ombra). Dava lezioni alla Scuola di pittura di Mosca ed esponeva regolarmente con tali associazioni.

Il suo patrimonio artistico estremamente influente comprende oltre un migliaio di dipinti tra cui acquerelli, pastelli, grafica e illustrazioni. Era nato in un giorno di agosto a Kibartay (attualmente in Lituania), diventando uno degli artisti paesaggisti più influenti della Russia, nonchè il fondatore del “paesaggio dell’umore”. La desolazione dei suoi primi anni potrebbe aver ispirato la sua successiva evoluzione artistica, perché la sua infanzia e la sua giovinezza erano segnate dalla povertà. ISAAC LEVITAN ha saputo coniugare l’interesse per le dinamiche atmosferiche con la sua capacità di rivelare vite di umili contadini, così scoprendo i risultati spiritualizzanti della povertà.

Alla fine degli anni settanta del XIX secolo la sua famiglia si trasferì a Mosca, dove i suoi genitori erano fedeli alla passione dei figli per l’arte. Nel 1875 morì la madre, ed ISAAC LEVITAN due anni dopo rimase anche orfano di suo padre. Un viaggio in Crimea era riuscito a migliorare le sue condizioni, ed al suo ritorno aveva organizzato una mostra personale di 60 dipinti di paesaggio. Sintetizzando le attività della sua vita in un unico lavoro (che è stato finalmente chiamato “Il lago”), mostrò un’immagine collettiva della natura russa, insieme ai suoi ultimi pensieri. Trascorse l’ultimo anno della sua vita in Crimea, dove, nonostante gli effetti di una malattia, le sue ultime opere riflettono la tranquillità e l’eterna bellezza della natura russa. La Dacia Bianca (ora un museo), è la casa che Anton Cechov aveva costruito a Yalta, dove scrisse alcuni dei suoi più grandi lavori. Lui, l’autore di oltre mille dipinti, è morto a Mosca in un giorno di giugno.

Le proprietà intellettuali delle immagini che appaiono in questo blog corrispondono ai loro autori. L’unico scopo di questo sito è quello di diffondere la conoscenza di queste persone creative, consentendo ad altri di conoscere le loro opere.

 

 

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *