Buon Mercoledì

Buona giornata a tutti!

Saliamo in montagna ed esploriamo la natura di quest’ambiente quasi incontaminato, dove è possibile trovare il fiore di cui vogliamo parlarvi oggi: si tratta della meravigliosa stella alpina, fiore appartenente alla famiglia delle asteracee o compositae.

 La stella alpina è una pianta originaria della Siberia, ma si è insediata anche sulle Alpi sin dalle glaciazioni. Generalmente, questa pianta può raggiungere un’altezza compresa tra i 5 ed i 15 centimetri al massimo e si presenta con numerose foglie lanuginose di color bianco-argentee e vellutate. Invece, i fiori della stella alpina sono piccoli e molto delicati e, generalmente, il colore di questi fiorellini insignificanti è biancastro.

Il fusto di questa pianta porta dai 5 agli 8 capolini in denso corimbo, cinto da 7-8 foglie bislunghe densamente lanose e raggianti. La stella alpina, che vede il miglior periodo per la moltiplicazione tra aprile e marzo, solitamente trova una giusta ambientazione in un luogo a mezz’ombra fino a pieno sole. Il terreno, invece, deve essere per la maggior parte calcareo, ghiaioso e leggero. Le innaffiature della stella alpina devono essere regolari, più abbondanti d’estate evitando però che l’acqua possa depositarsi e rovinare così la stessa pianta con del ristagno.

Tra le curiosità da sapere in merito alla stella alpina troviamo quella etimologica: difatti, il nome del genere significa letteralmente piede leonino e deriva dal greco; fu il botanico Robert Brown ad adottare il nome della nomenclatura floristica per questa pianta.

La stella alpina è una pianta erbacea alta tra i 5 ed i 20 cm, con fusto fiorale semplice, tomentoso tendente al bianco, foglie intere, le radicali sono oblungo-lanceolate. le superiori più strette lanceolate-lineari, tutte ricoperte di fitta peluria bianca soprattutto sulla lamina inferiore. I fiori sono costituiti da piccoli capolini globosi, ragruppati in corimbi di 2-10 fiori, contornati da 5-9 brattee foliacee di colore bianco cotonoso.

 E’ simbolo di coraggio per via dello sprezzo del pericolo; per raccoglierla infatti bisogna scalare vette impervie e osare andare oltre i sentieri battuti.

Da regalare a: un vero appassionato di montagna e di sport ad alta quota. Apprezzerà sicuramente!

Da non regalare a: quella vostra amica che detesta la montagna e trascorre tutte le sue ferie estive in località di mare.

Related posts

Buona Domenica
LIFESTYLE

Buona Domenica

dicembre 16, 2018

Buon Venerdì
LIFESTYLE

Buon Venerdì

luglio 20, 2018

Buon Giovedì
LIFESTYLE

Buon Giovedì

luglio 9, 2015

Buon Giovedì
Arte

Buon Giovedì

maggio 31, 2018

Buon Sabato
LIFESTYLE

Buon Sabato

marzo 7, 2015

Buon Giovedì
LIFESTYLE

Buon Giovedì

dicembre 14, 2017

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *