Buon Sabato

BUONA GIORNATA con: il Castello di Praga – Repubblica Ceca

La storia di Praga ruota attorno al suo Castello, fondato intorno all’880 dal principe Borivoj della dinastia dei Premyslidi, che ne fecero subito il loro regno, grazie alla posizione dominante sulla Moldava.
All’epoca comprendeva un palazzo, tre chiese e un monastero. Durante i secoli fu restaurato, ricostruito e ampliato, soprattutto sotto il regno di Carlo IV, nel XIV secolo.
Dopo l’abbandono e il deterioramento durante le guerre hussite, nel XV secolo, l’intero complesso riprese a crescere grazie a Vladislao Jagellone e vennero costruite nuove fortificazioni e torri di guardia, oltre alla grandiosa rinascimentale Sala Vladislao. Nel XVI secolo furono costruiti il Giardino Reale, il Belvedere e la Sala della Palla Corda; la Cattedrale e il Palazzo Reale subirono delle modifiche e vennero costruiti nuovi edifici residenziali ad ovest del Vecchio Palazzo Reale.

La ricostruzione del Castello toccò il suo culmine durante il regno di Rodolfo II che riportò la sua corte a Praga e trasformò il Castello in un elegante centro del potere che avrebbe attratto a se artisti stranieri, scienziati e diplomatici.

La Defenestrazione di Praga del 1618 iniziò un lungo periodo di guerre durante il quale il Castello di Praga fu danneggiato e saccheggiato, perdendo così la sua importanza in quanto sede del potere.

L’ultima grande ricostruzione del Castello si ebbe nella seconda metà del XVIII secolo quando il complesso assunse uno stile residenziale.
Nel 1918 il Castello di Praga accolse il primo presidente della Cecoslovacchia indipendente e da allora è la sede dei presidenti della repubblica ceca, oltre che il più importante monumento nazionale. Dopo il 1989 molte aree del Castello, Giardino Reale, Sala della Palla Corda, giardini meridionali e Stalle Imperiale incluse, furono rese accessibili al pubblico per la prima volta nella storia: numerosi oggetti d’arte dal valore inestimabile, documenti storici e i gioielli della corona di Boemia sono qui custoditi.

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *