E’ Venerdì Santo

Cari lettori in questo giorno di intensa preghiera, vi auguro una buona giornata con l’arte Barocca e con il grande pittore Giovanni Andrea Ansaldo.

Giovanni Andrea Ansaldo – Nato a Voltri (Genova) il 24 ag. 1584, fu messo giovanissimo a imparare pittura da Orazio Cambiaso, figlio di Luca. Quando decise di cominciare a dipingere si fece prestare (Soprani) da un amico un quadro di Paolo Veronese e lo copiò diverse volte. Da queste esercitazioni, e da sicuri contatti con lo Strozzi (l’amicizia del quale per il coetaneo A. è documentata: cfr. Labò, 1925), uscì il suo primo dipinto noto: La decollazione di s. Giovanni Battista (parrocchiale di Recco), cui seguirono S. Ambrogio e l’imperatore Teodosio (S.Ambrogio a Voltri) e la Pietà (Genova, Accad. Ligustica di Belle Arti), in cui le influenze dello Strozzi si fanno sempre più palesi. Ovviamente, l’A. non si sottrasse all’influenza dei fiamminghi (Rubens e Van Dyck), specialmente nel colore, per quanto episodicamente; ma soprattutto s’intonò alla pittura lombarda; ed a ragione il Longhi lo incluse, col Borzone e lo Strozzi giovane, nel gruppo da lui definito “amici dei milanesi”, cioè del Procaccini, del Cerano e del Morazzone. Nell’ambito lombardo egli restò manierista, senza sfociare, come lo Strozzi, nel barocco. Studiò la prospettiva, evidentemente anche su basi teoriche, e la bravura del Cambiaso fa pensare che il figlio Orazio possa averne insegnato all’A. qualche regola. Comunque, egli fu tra gli antesignani di quell’illusionismo pittorico da cui doveva svilupparsi la grande pittura decorativa genovese. La volta della cappella di S. Carlo nella parrocchiale di Albisola Marina (1622-23, quando nessun “quadraturista” bolognese si era ancor veduto a Genova), per la libertà della sua composizione prospettica, è un’anticipazione; e nella cupola dell’Annunziata a Genova (1635-38) prospettiva lineare ed aerea concorrono all’effetto illusionistico. A fresco, con fondi prospettici, si ricordano: due Storie di Sansone (danneggiatissime dalla guerra) nel palazzo già Brignole Sale in piazza Embriaci 5; Imprese di Ambrogio Spinola nella villa già Spinola a Sampierdarena (oggi sede Ist. Tecnico Statale); l’Assunta nel palazzo Negrone, ora De Cavi, a Genova. Anche nelle pitture ad olio le ambizioni prospettiche sono costanti (S. Carlo nella cappella di Albisola, Cenacolo all’Accademia Ligustica; Battesimo dei Re Magi nell’oratorio di S. Antonio Abate e delle Cinque Piaghe, Genova). Altre opere notevoli: la Fortezza (Palazzo ducale), Fuga in Egitto (Roma, Gall. Naz. d’arte antica), Strage degli innocenti (Roma, Gall. Doria). Ebbe due grandi allievi: Orazio de’ Ferrari e Gioacchino Assereto, in cui la sua eredità è manifesta, ed insegnò la prospettiva a Bartolomeo Basso.

Morì a Voltri il 20 ag. 1638.

1La decollazione di s. Giovanni Battista

4L’Annunciazione

5La Fortezza

7 bisEster e Assuero

8Matrimonio mistico di Santa Caterina

2 bisS. Ambrogio e l’imperatore Teodosio

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *