Buon Venerdì

 Buongiorno amici, ormai le vacanze sono vicine, voi avete già scelto il vostro luogo di soggiorno ideale? Questa mattina io vi propongo il mare dell’Isola del Giglio.

Nel blu del mar Tirreno l’Isola del Giglio

L’Isola del Giglio è situata al centro del Mar Tirreno, a poche miglia dal Promontorio dell’Argentario. La costa del Giglio si sviluppa per 28 km, ed alterna scogliere di granito levigato a baie, calette e spiagge sabbiose. L’Isola del Giglio è davvero un tesoro tutto da scoprire, è la meta ideale per tutti coloro che amano un rapporto genuino con la natura ed il rustico ambiente paesano, il mare, le passeggiate, il bird-watching, i minerali e l’affascinante mondo sottomarino.

Giglio Porto è uno dei tre centri abitati dell’isola detta appunto del Giglio. La torre Saracena, costruita nel 1596 da Ferdinando I dei Medici, si innalza sul mare blu . Da qui difficilmente, se non in barca, si può esplorare la selvaggia costa sud. Più abitata è quella settentrionale che termina nella Punta del Fenaio, con il faro rosso e bianco circondato da ginestre, erica e cisto. Sul versante nordest, prima di Giglio Porto, troverai la spiaggia di sabbia dell’Arenella, tra le più frequentate per la trasparenza dell’acqua. Parte da questo punto una mulattiera che si spinge, tra bosco e rocce, fino a Giglio Castello. A sudest del porto ecco aprirsi, dietro Punta della Smeralda, Cala delle Cannelle, con la sabbia fine di origine granitica. L’acqua è ancora più limpida nella successiva Cala delle Caldane.

La restante costa va scoperta in barca: dalla caletta degli Alberi fino agli scogli bassi di Capel Rosso, sul versante sud-est e poi a Punta Mezzo Franco, con i picchi e le guglie di Cala del Corvo. La baia di campese, con l’arenile formato di cristalli di quarzo, si trova tra punta Faraglione e Punta delle Secche . A Giglio si trovano splendide terrazze dove pranzare. A Giglio medioevale ci si perde tra le stradine e le scalette esterne del quartiere medioevale.Qui molti vecchi magazzini sono trasformati in cantine per assaggiare il vino.

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *