Buona Domenica

Buona Domenica con la Madonna del Belvedere (Madonna del Prato) di Raffaello Sanzio.

“Madonna del Belvedere” o anche “Madonna del Prato”.

Madonna del Belvedere Raffaello Sanzio analisi Data di produzione: 1506

Dimensioni: 113 x 88 cm

Dove si trova: Kunsthistorisches Museum, Vienna

Partiamo dal fatto che la datazione dell’opera è certa, poiché troviamo riportato proprio sull’orlo del vestito della Vergine riportata una data, ovvero M.D.VI. Detto questo, iniziamo il nostro studio della “Madonna del Belvedere” riassumendo la storia della commissione e trasmissione. Stando alle fonti, l’opera venne realizzata per Taddeo Taddei, poi successivamente venne data a Ferdinando d’Austria che la portò con se, fino a giungere nel 1773 nelle collezioni imperiali viennesi, più precisamente all’interno del palazzo del Belvedere da cui l’opera ha preso il titolo con cui è riconosciuta.

La scena che Raffaello ci propone vede protagonisti la Vergine Maria, Gesù Bambino e San Giovanni Battista (anch’esso bambino). Lo schema che i personaggi formano è piramidale, dove Maria è la punta di quest’ultima; l’ambiente che li circonda è un bellissimo ambiente naturale, con una breve traccia in fondo a sinistra, di qualche costruzione urbana.

Gesù Bambino si appoggia alle gambe della madre mentre cerca di tenersi in piedi, e sembra che stia muovendo i primi passi come un qualsiasi altro neonato. Il cugino San Giovanni si inginocchia, mostrando rispetto davanti al Salvatore, ed entrambi giocano con la croce, tipico simbolo della Passione di Cristo e del suo infausto futuro.

Molto interessanti sono le espressioni dei protagonisti, e soprattutto quella di Maria, che tradizionalmente conscia del tragico futuro di Gesù, viene rappresentata sempre pensierosa e triste, mentre in questo caso è serena ed apprezza questo piccolo momento di divertimento di suo figlio. Le vesti di Maria sono molto interessanti: il colore rosso difatti rappresenta la Passione di Cristo, mentre il blu la Chiesa, e simbolicamente quindi indica l’unione tra questi due elementi; è da tenere in considerazione anche la posizione della Vergine, il cui busto è ruotato verso destra, mentre con la testa e lo sguardo si rivolge verso i due bambini che giocano, come se precedentemente fosse voltata altrove.

Il richiamo alle opere di Leonardo da Vinci all’interno di questo quadro è ovvio, soprattutto per la composizione della scena. Alle spalle dei tre personaggi è possibile scrutare un papavero rosso che spicca rispetto a tutto il resto dell’ambiente, e questo è solo un altro elemento che allude alla Passione di Cristo.

Related posts

Buon Lunedì
LIFESTYLE

Buon Lunedì

marzo 18, 2019

Buon Lunedì
Arte

Buon Lunedì

ottobre 21, 2019

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *