Caivano (Na) – Poliziotto del Reparto Prevenzione Crimine salva bimba di sette mesi – coraggio e determinazione

DEL 19 aprile 2016

 

E’ di oggi la notizia che un coraggioso poliziotto in forza presso il Reparto Prevenzione Crimine Campania, gruppo partenopeo, specializzato nel servizio straordinario di controllo del territorio, è intervenuto, benché fuori servizio, a soccorrere una bimba di sette mesi che, al suo arrivo sul posto, era già cianotica, ridonandole la vita –

“In certi casi – dichiara Giulio Catuogno, Segretario Generale Provinciale del sindacato indipendente di polizia Co.I.S.P. – è la tempestività d’azione e la lucidità professionale a condurci verso la risoluzione di un intervento, sia esso durante l’orario di servizio o fuori da esso”.

“Essere poliziotti, infatti – prosegue Catuogno – non significa agire con professionalità solo quando si indossa la divisa o si è nelle sei ore di servizio. Essere poliziotti significa sentire dentro, tatuato, il valore civico della sicurezza della cittadinanza che, in ogni momento del giorno e della notte, la nostra professione ci chiede di tutelare”.

“Ed è proprio per questo – continua il Segretario Generale partenopeo Catuogno –  che certi valori e certe qualità insite in ognuno di noi vanno incentivate con il giusto apporto di ringraziamenti e garanzie perché, nonostante le costipazioni contrattuali e i soprusi derivanti da taluni errati impieghi territoriali, cui ci sta costringendo il momento storico, gli uomini e le donne della Polizia di Stato continuano a profondere amore ed abnegazione nello svolgimento delle proprie attività”.

“Quindi – conclude Catuogno – non possiamo far altro che ringraziare il tempismo perfetto con cui il collega del Reparto Prevenzione Crimine Campania ha operato e auspichiamo che mai perda la volontà di adoperarsi in tal modo per la cittadinanza tutta, infondendo anche coraggio nei colleghi che con lui avranno l’onore di collaborare”.

 

 

 

 

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *