Cancello ed Arnone – inaugurata una nuova sezione Federcaccia

Ancora una volta Cancello ed Arnone fa parlare di se per la cultura venatoria, tradizione profondamente radicata in questo paese.

E’ stata inaugurata, infatti, sabato 04/03/2017 una nuova sezione Federcaccia, sita in piazza Municipio, al centro della cittadina.

Tra i presenti: il presidente provinciale federcaccia dott. Valerio Toscano ed il presidente regionale federcaccia prof. Andrea Ferrara che hanno voluto manifestare ai presenti tutta la loro vicinanza e il loro entusiasmo per questa iniziativa.

Della nuova associazione fanno parte: Savastano Francesco, eletto alla carica di presidente mentre il direttivo è composto dai signori Bifulco Giuseppe, Marra Edoardo, Sciorio Cosimo, Perone Vincenzo, Biffardi Luigi, Antonio Ruocco ed altri iscritti. Naturalmente, non potevano mancare le guardie venatorie appartenenti alla sezione Federcaccia: Di Porzio Francesco, Cioffo Raffaele, Mariniello Antonio e Caterino Salvatore.

“La sala diventerà un punto di riferimento non solo per i federcacciatori di Cancello ed Arnone, ma Ci auguriamo che sia un ritrovo abituale per tutti i cacciatori della piana dei mazzoni, sede d’incontri di formazione e di aggiornamento, per dibattere e cercare proposte da portare all’interesse provinciale e regionale riguardanti le problematiche che la nostra passione sta vivendo oltre che un luogo di condivisione delle esperienze venatorie di tutti gli appassionati.

E’ fondamentale lasciare alle spalle i campanilismi e le divisioni che attanagliano la nostra passione, facendo squadra al fine ultimo di migliorare e far conoscere all’esterno le nobili tradizioni dell’ “ars venandi” nell’ottica di migliorare e proteggere l’ambiente, luogo dove esercitare, con sempre maggiore cura e rispetto, la nostra passione” -ha affermato il  giovane ing. Antonio Ruocco- al termine della manifestazione.

Non ci resta che augurare a tutto il direttivo e a tutti gli amici cacciatori una lunga vita.

 

 

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *