Cancello ed Arnone: Istanza di ammissione alla massa passiva.

(Cancello ed Arnone – Elisa Cacciapuoti) Il Comune di Cancello ed Arnone con delibera di Consiglio Comunale n.22 del 26.07.2018, esecutiva ex lege, ha dichiarato lo stato di dissesto finanziario. Successivamente, con DPR in data 03.01.2019, è stata nominata la Commissione Straordinaria di Liquidazione per l’amministrazione della gestione e dell’indebitamento pregresso, nonché per l’adozione di tutti i provvedimenti per l’estinzione dei debiti dell’Ente.

L’OSL, con propria delibera n.6 de 03.04.2019, ha prorogato i termini di presentazione delle istanze ai fini dell’insinuazione nella massa passiva del Comune di Cancello ed Arnone relative al periodo 1.1.2015 al 31.12.2018.

Chiunque ritenga di averne diritto, può presentare l’istanza entro il 2 maggio 2019, corredandola da idonea documentazione, contenente:

  1. generalità, o ragione sociale, ed indirizzo del creditore, con indicazione del codice fiscale o P.IVA;
  2. Oggetto del credito vantato da 01.01.2015 al 31.12.2018 ne confronti del Comune;
  3. Importi distinto per capitale ed accessori;
  4. Indicazioni del periodo temporale in cui è maturato il credito;
  5. Idonea documentazione atta a dimostrare la sussistenza del debito dell’Ente;
  6. Eventuali cause di prelazione;
  7. Eventuali atti interruttori della prescrizione;
  8. Ogni ulteriore elemento ritenuto utile ai fini del l’accertamento del credito.

La predetta istanza dovrà essere indirizzata alla COMMISSIONE STRAORDINARIA DI LIQUIDAZIONE del Comune attraverso una delle seguenti modalità:

  • consegna del plico presso il protocollo dell’Ente;
  • trasmissione a mezzo raccomandata al seguente indirizzo: Piazza Municipio, 1 – 81030 – Cancello ed Arnone (CE)
  • invio per posta certificata al seguente indirizzo: protocollo.cancelloarnone@asmepec.it

Il modello di domanda è disponibile sul sito istituzionale del Comune o presso l’ufficio di Segreteria. 

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *