CANCELLO ED ARNONE: L’AMMINISTRAZIONE COMUNALE ADERISCE AL BANDO PER L’ACCESSO AI CONTRIBUTI REGIONALI IN MATERIA DI SICUREZZA URBANA E POLIZIA LOCALE.

(Cancello ed Arnone – Elisa Cacciapuoti) La Regione Campania ha pubblicato un bando per l’accesso a contributi regionali per azioni e progetti in materia di sicurezza urbana e polizia locale. Annualità 2018/2019.

Il presente bando è finalizzato all’accesso ai contributi destinati agli enti locali della Regione Campania ai sensi della legge 13 giugno 2003 n. 12, arte. 5 e 10, per progetti di investimento volti all’adeguamento tecnologico, tecnico strumentale, organizzativo e logistico delle polizie locali e ad ottimizzare e potenziare la funzionalità e l’interoperabilità dei propri apparati di sicurezza con sistemi tecnologicamente avanzati di controllo visivo di telesorveglianza e servizi informatici per la sicurezza, valorizzando nel contempo l’aggregazione strutturale e funzionale della polizia locale.

Al fine di un adeguato ammodernamento tecnologico e, inoltre, per la posizione in cui ricade il comune di Cancello ed Arnone, confinante con Villa Literno, Grazzanise e Castel Volturno, nel territorio noto come “Terra dei Fuochi”, si rende indispensabile l’acquisto di tecnologia avanzata per prevenire, monitorare e disincentivare quello che, ad oggi, è un vero e proprio fenomeno criminale: l’appicco dei roghi.

Per le suddette motivazioni, l’Amministrazione Comunale, con delibera di giunta n. 124 del 3.12.2018, ha aderito al su citato bando regionale, presentando il progetto “Urban Security – Cancello ed Arnone”.

“Un progetto relativo all’acquisto di mezzi mobili ed, in particolare, all’acquisto di tecnologia “Drone” e relativa abilitazione alla conduzione che assume, quindi, pregio ai fini della sicurezza e della governance del territorio”. Queste le parole del primo cittadino Ambrosca, che conclude: “Con il mondo della tecnologia che avanza l’Ente deve necessariamente stare al passo”.

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *