Cerimonia solenne in onore della Venerabile Maria Clotilde di Borbone di Francia

L’Associazione Internazionale Regina Elena Onlus organizza con la Comunità napoletana del Terzo Ordine Francescano una solenne cerimonia nella chiesa di S. Caterina a Chiaia (Via a Chiaia, 76) nell’anniversario del richiamo a Dio della Venerabile Maria Clotilde di Borbone di Francia, Duchessa di Savoia, Regina di Sardegna e Terziaria Francescana.

Mercoledì 7 marzo, nell’ambito di una giornata di attività benefiche, culturali ed apolitiche a Napoli, come ogni anno l’Associazione Internazionale Regina Elena Onlus organizza con la Comunità napoletana del Terzo Ordine Francescano una solenne cerimonia nella chiesa di S. Caterina a Chiaia (Via a Chiaia, 76), nell’anniversario del richiamo a Dio della Venerabile Maria Clotilde di Borbone di Francia, Duchessa di Savoia, Regina di Sardegna e Terziaria Francescana. Nata in Francia nel 1759, Maria Clotilde si spense in esilio a Napoli il 7 marzo 1802 e, secondo le sue volontà, fu tumulata nella cappella della “Buona Pastora”, nella chiesa di S. Caterina a Chiaia, in una tomba restaurata nel 1933 a spese del figlio della Regina Elena, Umberto di Savoia. Tre mesi dopo la morte della consorte, Re Carlo Emanuele IV abdicò e si ritirò a Roma, nella chiesa dei Gesuiti di Sant’Andrea al Quirinale, dove morì e fu sepolto nel 1819. Il 10 aprile 1808, appena sei anni dopo la morte, Maria Clotilde di Borbone venne dichiarata Venerabile e se ne iniziò la causa di beatificazione. La celebrazione del prossimo 7 marzo sarà in suffragio della Venerabile, che tanto bene fece alla popolazione napoletana malgrado la sua situazione economica e di salute fosse così disagiata. Il Sacro Rito sarà presieduto dal M.R.P. Calogero Favata. In conclusione, sarà consegnato il XIX Premio Venerabile Maria Clotilde, istituito a Napoli dall’Associazione Internazionale Regina Elena Onlus e dal Terzo Ordine Francescano il 7 marzo 2000, in occasione del Gran Giubileo.

 

 

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *