Chiusa con successo a Gorizia la Mostra di Sandro Gagliardi

MOSTRA DI SANDRO GAGLIARDI AL KULTURNI DOM

Dal 13 Maggio 2016 al 03 Giugno 2016

Inaugurazione venerdì 13 maggio – ore 18.00 ► Kulturni dom di Gorizia – Via Brass, 20

La presentazione dell’artista sarà affidata al prof. Flavio Barbina e a Vili Prinčič.

Sandro Gagliardi, d’origini abruzzesi, è nato a Roma nel 1934, dove ha compiuto i primi passi nell’ambito dell’arte plastica. Si è formato alle necessarie conoscenze dapprima presso il laboratorio romano del famoso e affermato maestro pittore Renato Guttuso, poi lo ha introdotto nel mondo della pittura Ugo Rambaldi, anch’egli nome famoso nelle cerchie italiane delle arti plastiche. Sotto la guida di Rambaldi, il giovane Sandro si è avviato sulla strada dell’arte figurativa manifesta e chiara, che nei primi anni del suo impegno artistico ha dato una netta impronta ai suoi lavori. Grazie all’influenza delle più recenti concezioni della composizione artistica, ha accolto negli anni tale caratteristica e si è avvicinato all’immagine, nell’esposizione tanto di un luminoso e visibile campo quanto di un caleidoscopio fantastico di segni e di colori. Nel secondo periodo del suo lavoro creativo, Sandro Gagliardi è stato attirato soprattutto dai paesaggi, ispirandosi ai ricordi e ricreando su tela le sue emozioni intessute da profonde radici metafisiche. Le sue fonti di ispirazione si trovano nei numerosi viaggi: la Spagna, la Grecia, il Nepal e l’India prendono vita nelle sue immagini, che evocano il caldo avvolgente e i colori delle regioni del Mediterraneo come l’unità senza reale contraddizione che caratterizza il mondo asiatico.

Opere di Sandro Gagliardi si trovano in collezioni private e pubbliche in Italia e all’estero. Ha partecipato a numerose mostre personali e collettive in gallerie di fama in tutta Italia e all’estero. L’artista da molti anni vive e lavora a Chiasiellis, presso Mortegliano.

La mostra è promossa dal Kulturni dom di Gorizia (nell’ambito del progetto Bunker) e dall’Associazione Abruzzesi e Molisani in Friuli Venezia Giulia.

La mostra sarà visitabile dal 13 maggio al 3 giugno 2016 con il seguente orario: dal lunedì al venerdì dalle ore 9.00 alle 12.00 e dalle 16.00 alle 18.00 e nelle ore serali durante le varie manifestazioni culturali.

 

 

 

2013

Mostra ‘Sandro Gagliardi. Opere scelte’
Casa della Confraternita

Da sabato 2 marzo presso la Casa della Confraternita in Castello, è allestita la mostra Sandro Gagliardi. Opere scelte, che raccoglie una trentina di opere dell’artista romano di nascita, ma friulano d’adozione.

L’esposizione antologica si propone di ripercorrere la carriera professionale del pittore, puntando l’attenzione sui dipinti maggiormente significativi che, dagli anni Cinquanta ai nostri giorni, egli ha realizzato seguendo la sua ispirazione e la sua inestinguibile passione. La sua prima formazione, avvenuta a Roma nello studio di Renato Guttuso e, successivamente, in quello di Ugo Rambaldi, lo ha condotto a perseguire una figurazione schietta e sincera soprattutto nei decenni iniziali del suo percorso artistico. Col trascorrere del tempo questa cifra stilistica si è trasformata, sotto l’impulso di una rinnovata concezione compositiva, in immagini nelle quali la luce scompone i piani visivi come in un immaginifico caleidoscopio di segni e colori. In questa seconda fase del suo lavoro, ad attrarre l’attenzione di Sandro Gagliardi è stato soprattutto il paesaggio, rivisitato sulla scorta della memoria e ricreato sulla tela per il tramite di volumi sintetici e di atmosfere di lontana ascendenza metafisica. A costituire la fonte d’ispirazione sono i tanti viaggi compiuti dall’artista nel passato più o meno recente: la Spagna, la Grecia, il Nepal e l’India rivivono nei dipinti di Gagliardicaratterizzati dai colori caldi e avvolgenti del mondo mediterraneo e da quelli privi di contrasto del più vicino oriente asiatico.
Raggi di luce si materializzano e attraversano come sciabolate la visione che si focalizza intorno a pochi elementi simbolici ed evocativi, carichi di fascino e di storia. I paesaggi greci e romani sono quelli che giocano maggiormente sulla forza mitizzante della classicità rappresentata dai resti archeologici di civiltà ormai scomparse ma a cui Gagliardi sa infondere nuova vita e nuova attualità pittorica attraverso la modernità del suo personale e originalissimo sguardo d’artista.

La mostra è visitabile fino al 17 marzo

 

Mostra personale di Sandro Gagliardi
Sala Comunale d’Arte piazza dell’Unità d’Italia, 4

 28 febbraio – 15 marzo 2009
Inaugurazione:
 sabato 28 febbraio 2009 ore 18 con l’intervento critico di Sabrina Marangone.

Avrà per merito la giusta collocazione nel “salotto d’Italia” la mostra dedicata all’artista romano Sandro Gagliardi. In programma dal 1° marzo  al 15 marzo prossimi, l’apertura dell’esposizione sarà curata da Sabrina Marangone e presenterà, accanto a composizioni testimonianti il percorso artistico del pittore, soprattutto le opere di quest’ultimo periodo.

Venne definito appropriatamente “pittore della luce” dal poeta Giovanni Santomauro, e sono davvero effetti luministici quelli che Sandro Gagliardi offre al visitatore nei suoi dipinti. Ma la luce, intesa come fascio direzionato che colpisce i particolari dettando le regole dei chiaro scuri, qui ha un valore relativo. Col pretesto di una raffigurazione vedutista, di un ritratto a figura umana, di singolari nature morte, di fatto l’artista gioca con i colori e con le forme, creando una vera e propria tenzone tra tinte, linee e figure geometriche che solcano i quadri e dando l’impressione che la luce scherzi sulle superfici amplificando a lente certi particolari, tagliandone altri, ripetendone altrove le caratteristiche.

Gagliardi si presenta in territorio giuliano con un’esperienza maturata nel complesso tessuto culturale e artistico di Roma, quella Roma di via Margutta che lo vide allievo prima di Renato Guttuso e poi di Ugo Rambaldi. L’intensa carica espressiva che gli è propria condusse Gagliardi a filtrare quanto appreso per emergere con un personalissimo stile che nel tempo si è affinato, concedendo anche in questi ultimi tempi, con le opere esposte alla mostra di Trieste, l’evoluzione del gesto in interessanti colloqui cromatici stesi a macchie e a strati sulle tele. Il particolare intervento che Sandro opera sul soggetto, sottoponendolo a un sistema lenticolare di figure geometriche e segni, tratti e rotondità, gli permette di ironizzare sulla realtà delle cose e dei tempi e di metterne in discussione certezze e assolutismi, di denunciare velatamente il forte relativismo che permea presente e passato.

Numerosi sono i premi e i riconoscimenti alla produzione di Gagliardi, che di diritto, grazie alla sapiente padronanza degli strumenti pittorici e all’originale espressione figurativa, entra nel catalogo dei più apprezzati artisti contemporanei.

La personale di Trieste offre un’ennesima occasione per conoscere il fecondo e versatile talento di Sandro Gagliardi, che sarà presente alla vernissage di sabato, 28 febbraio, alle ore 18. La mostra sarà visitabile dalle ore 10.00 alle ore 13.00 e dalle 17.00 alle 20.00 di tutti i giorni, fino al 15 del prossimo mese di marzo.

 

1
3

4

5

6

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *