CLASSICO CONTEMPORANEO: Tradizioni musicali e gastronomiche in “Ragù Chantant” di Margherita Romeo

Martedì 20 e mercoledì 21 agosto a Classico Contemporaneo in scena la tradizione del sud Italia, quella musicale e teatrale, rappresentata dalle figure di tre grandi donne, quali Concetta Barra, Ria Rosa e Rosa Balestreri, e quella gastronomica, che ha come protagonista il ragù napoletano, il suo rito ed il suo sapore. Questo è “Racù Chantant”, spettacolo sul filo del ricordo ideato e diretto da Margherita Romaeo

 

 

Chiostro di San Domenico Maggiore | Napoli

 

CLASSICO CONTEMPORANEO

direzione artistica

GIANMARCO CESARO & MIRKO DI MARTINO

 

 

martedì 20 agosto | mercoledì 21 agosto – ore 21:30

RAGU’ CHANTANT

testo e regia Margherita Romeo

con Cinzia Celardo, Irene Giliberti, Margherita Romeo, Kevin A. Stefanini

Musiche di eseguite da  Kevin A. Stefanini

 

Tre ragazzine di 10/11 anni, con il loro unico compagno di giochi maschietto, sono solite intrufolarsi nella casa di una misteriosa signora che chiamano ”A Nonna” ,per poter giocare a Ria , Rosa e Concetta ,usando i trucchi e gli abiti della padrona di casa.

Spesso la nonna lascia il ragù a pippiare sul fuoco, e la caffettiera napoletana ancora può offrire caffè fatto da poco.

I bambini stanno per entrare nel mondo degli adulti, assaggiano il caffè come il vino, si vestono e si truccano da grandi e cominciano a giocare, con lo stesso espediente proprio del teatro, a fare ”i grandi”.

In questo caso si parla dei ”grandi ” della musica e della cultura meridionale.

Le tre bimbe/ donne, accompagnate dalla chitarra di Cenzino, suonano e cantano rievocando Concetta Barra, Rosa Balestrieri, e Ria Rosa.

Napoli, Procida e Sicilia si incontrano, facendo partire storie di vita di tre donne che oltre ad avere segnato la storia della musica, sono le prime donne che hanno lottato, attraverso l’arte, in difesa dei diritti degli esseri umani, sia nella sfera pubblica che in quella privata.

Prima, molto prima del ”femminismo”!

Di prassi, anche gli spettatori, a fine spettacolo, hanno la possibilità di assaggiare il vino e il ragù preparati per la scena.

 

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *