Come Cristo comanda!

di Raffaele CARDILLO

 

In totale dispregio e in barba alla legge del 2014, voluta dallo stesso Renzi, che vietava espressamente ai Governatori di assumere la carica di Commissari alla Sanità, ma che la stessa doveva essere di pertinenza di tecnici provenienti da altre Regioni, proprio ad evitare assurde commistioni, una sorta di controllore e controllato fusi in un’unica persona: ebbene il nostro <cantastorie toscano> dando prova di grande longanimità, pare che abbia voluto premiare il nostro De Luca, per il suo attivismo inveterato a favore del Sì, affidandogli la carica di Commissario alla Sanità!

Uno sconcio istituzionale di enorme portata, uno stravolgimento di regole che ancora una volta, semmai ce ne fosse bisogno, vengono attuate norme che alterano in maniera arbitraria una legge dello Stato a proprio uso e consumo, favorendo in tal modo corruzione, affarismo, voto di scambio e sperpero di denaro pubblico

Gli echi della scoppiettante riunione dell’ex Sindaco di Salerno con 300 amministratori  tenutasi presso l’Hotel Ramada, rimbombano ancora per la loro drammaticità, per gli inviti perentori rivolti ai convenuti, acché si prodigassero senza risparmio per la <nobile causa>, ed è singolare il siparietto che ha come protagonista l’ex sindaco di Agropoli Franco Alfieri, a detta di De Luca, notoriamente clientelare, e le successive colorite esternazioni sull’abilità di costui nel procurare adesioni, costringendolo ad attivarsi come non mai, con l’offrire fritture di pesce, gite in barca e quant’altro pur di ottenere il turpe consenso: in una parola “COME CRISTO COMANDA”!

Una tragica farsa che si ripete puntualmente ad ogni tornata elettorale: la mercificazione del voto è una costante che qualifica impietosamente la caratura di un popolo, dove i valori vengono soffocati da comode accondiscendenze, senza che vi sia a latere un rigurgito di rivolta contro questi ignobili attentati alla sacralità della persona.

Un sordido e ripugnante andazzo che ormai si perpetua, avallato e promosso da una classe politica degenere, tutta dedita a intrallazzi e ruberie, misconoscendo la tragicità della situazione Italiana, ormai sull’orlo del collasso e prossima al default!

 Che fare?

Cerchiamo, per quanto possibile, che ci siano le necessarie convergenze per il “FRONTE DEL NO” nella tanta auspicata <svolta referendaria>, poi sarà chi di dovere ad effettuare quelle scelte, tante volte ribadite, con la speranza che almeno una volta “BRUTO IL CESARICIDA SIA UN UOMO D’ONORE”!

 

 

 

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *