“Commemorazione dei civili e militari caduti nel I e nel II conflitto mondiale”

di Matilde Maisto

CANCELLO ED ARNONE –  Oggi 9 settembre 2019,  nel Comune di Cancello ed Arnone, in provincia di Caserta, decorato con medaglia di bronzo al merito civile, il sindaco avv. Raffaele Ambrosca, e l’amministrazione comunale hanno organizzato, presso il monumento sito in Piazza Municipio, l’annuale celebrazione di “Commemorazione dei civili e militari caduti nel I e nel II conflitto mondiale”.

Il programma ha seguito il seguente iter:

10,30 Raduno Autorità presso la Casa Comunale e arrivo della Fanfara dei Bersaglieri;

10,45 Picchetto Armato dell’Aeronutica militare – IX Stormo Francesco Baracca;

11,00 Deposizone corona di alloro;

11,15 Appello dei caduti.

Alla presenza di autorità civili, politiche e religiose  sono stati ringraziati tutti i presenti, a nome di tutta l’Amministrazione Comunale e sono stati ricordati  gli eventi luttuosi che avvennero in quella fatidica mattinata del 9 settembre 1943. Le persone riunite in questa giornata della memoria  hanno voluto glorificare i nostri martiri di una guerra ingiusta. I bambini, le donne, gli uomini che impreziosirono, il 9 settembre 1943, con la loro fede operosa la città di Cancello ed Arnone. Dalla rassegna di alcune testimonianze si è avuta la percezione degli accadimenti di quel giorno. Il piccolo centro rannodato attorno alla sua chiesa era in quella mattina in un clima di festa!!! Aleggiava un unico desiderio tra i concittadini di Cancello ed Arnone, condividere in preghiera un ringraziamento per la fine di una guerra tormentata e sanguinaria (II conflitto mondiale) che tanto terrore aveva seminato. La comunità si raccolse verso le ore 10,30 nella Chiesa dedicata a Maria SS. delle Grazie, offrendo se stessa in olocausto, quasi ad espiazione di una resistenza passiva. Il ringraziamento fu funestato, da lì a poco, da un bombardamento anglo-americano, intervenuto in risposta di un attacco proferito da una contraerei tedesca. Le testimonianze raccontano di un tonfo assordante, una nuvola di fumo, e poi… Poi morte. Lo scenario desolante traspare in ogni ricordo, cumuli di macerie, distruzione di intere famiglie, di secolari sacrifici, di testimonianze dirette, di passati gloriosi e di memorie di vite vissute. Si presume che quei caduti immolati sull’altare sacrificale della comunità abbiano inciso con il loro sacrificio nelle coscienze di quanti si sono adoperati per la ricostruzione, stimolandone attivismo, solidarietà e laboriosità. Ancora oggi c’è chi piange i suoi affetti, l’amico tenuto per mano, la madre, il fratello complici nell’avvento alla salvezza, la lunga corsa verso la vita, spezzata, privata dall’amore domestico, aperta ad un futuro difficile di sofferenze, di paure e di ricordi indelebili. L’armistizio dell’8 settembre fu accolto con gli onori della festa della libertà, tuttavia lungi dall’essere la soluzione dei mali patiti, fino ad allora, per una guerra pretestuosa ed ingiusta, segnò l’inizio di efferatezze naziste nei confronti di una popolazione inerme accusata di tradimento. Noi figli di una generazione che non ha, fortunatamente, conosciuto la guerra, non ha vissuto le ansie, le speranze, i tormenti, il rumore assordante delle bombe, accogliamo con onore il monito dei nostri nonni e ci auguriamo che il ricordo degli eventi bellici, sublimati dalla esperienza del nostro popolo, costituisca vigile garanzia della dignità della persona umana. Mai più odio! Si al progresso, alla giustizia, alla pace.

 

UNA PAGINA DI STORIA

IN LETTERATURA

ALLE FRONDE DEI SALICI:  E come potevamo noi cantare con il piede straniero sopra il cuore, fra i morti abbandonati nelle piazze sull’erba dura di ghiaccio, al lamento d’agnello dei fanciulli, all’urlo nero della madre che andava incontro al figlio crocifisso sul palo del telegrafo? Alle fronde dei salici, per voto, anche le nostre cetre erano appese, oscillavano lievi al triste vento.

Salvatore Quasimodo

La lirica del 1946, tratta dalla raccolta “Giorno dopo giorno”, documenta l’incontro della poetica ermetica con i temi resistenziali ed il tentativo di Quasimodo di creare una poesia impegnata, aperta alle fortissime suggestioni morali ed emotive di avvenimenti tanto tragici. Lo spunto è offerto dal salmo biblico della cattività babilonese (<<Sospendemmo ai salici le nostre cetre. Come potremmo cantare il cantico del Signore in una terra straniera?>>), utilizzato per esprimere l’impossibilità della poesia (da qui ermetismo, ossia poesia chiusa ermeticamente) di fronte alle atrocità commesse dagli occupanti tedeschi durante la guerra. La lirica si risolve in un lungo interrogativo, nel quale sono rappresentate tali atrocità <<i morti abbandonati nelle piazze>>, il <<lamento d’agnello dei fanciulli>>, l'<<urlo nero della madre>>, e in una frase conclusiva, in cui compaiono a simboleggiare la poesia le <<antiche cetre>> appese ai salici, oscillanti al <<triste vento>> dell’angoscia di quei giorni. Il testo, molto suggestivo, può essere letto anche come dichiarazione di poetica: la sospensione della poesia durante gli anni dell’oppressione sembra significare la volontà di fare poesia diversa e nuova, ora che tale oppressione ha lasciato un’impronta incancellabile nella coscienza degli uomini. E’ stata qui ricordata la bellissima poesia di Salvatore Quasimodo perché in modo realistico fa rivivere le atrocità vissute a Cancello ed Arnone in occasione del bombardamento del 9 settembre 1943. Dunque la storia di un paese simile alla storia di una città, di una nazione, di un continente, del mondo!

E come potevamo noi cantare con il piede straniero sopra il cuore, fra i morti abbandonati nelle piazze sull’erba dura di ghiaccio, al lamento d’agnello dei fanciulli, all’urlo nero della madre che andava incontro al figlio crocifisso sul palo del telegrafo? Alle fronde dei salici, per voto, anche le nostre cetre erano appese, oscillavano lievi al triste vento.

 

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *