Comuni ricicloni 2015 doppio premio speciale per il Comune di Sant’Antimo

Per la migliore raccolta di Carta e per il Centro di Raccolta Comunale

Nell’ambito della XI edizione di Comuni Ricicloni, kermesse organizzata da Legambiente Campania, doppio premio è andato al Comune di Sant’Antimo.
Presso il Grand Hotel Salerno giovedì 11 giugno, l’Amministrazione Comunale, retta da Francesco Piemonte, ha ricevuto da Comieco il premio speciale per la raccolta della carta e del cartone. Giacinta Liguori, responsabile area sud Comieco, ha conferito il riconoscimento alla dirigente del settore ambiente, dott.ssa Lucia Nardi, presente in rappresentanza del Comune, sottolineando che Sant’Antimo è già da due anni nella classifica dei comuni Ecocampioni: “Grazie al lavoro dell’Amministrazione Comunale e del gestore Cite – afferma la Liguori – questo comune registra performance crescenti di raccolta differenziata di carta e cartone, pertanto gli assegniamo questa menzione speciale che vuole essere anche un invito per gli altri comuni a fare come Sant’Antimo, oltre che un plauso per l’ottimo lavoro che Amministrazione e gestore svolgono”. Michele Buonomo, presidente di Legambiente Campania, ha assegnato, invece, un riconoscimento speciale a Sant’Antimo per il Centro di Raccolta Comunale: “La bellissima isola ecologica di Sant’Antimo, diretta da Ernesto Del Sorbo, è un vero fiore all’occhiello che fa da apri pista per gli altri comuni dell’area napoletana. Un luogo che pullula di iniziative incentivanti per cittadini e scuole, un ampio spazio ben tenuto e curato come un vero e proprio salotto della città”. Soddisfazione per il doppio successo giunge da parte dei rappresentanti di Cite che, in un contesto così autorevole, hanno avuto un importante riconoscimento per il servizio svolto in un Comune non particolarmente facile da servire. Un Comune che si colloca al sesto posto della classifica generale di Legambiente per i comuni con popolazione residente tra i 20.000 e i 50.000 abitanti.

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *