CONCERTO SOLISTI AQUILANI

L’Aquila 22 febbraio – Auditorium del Parco, ore 18.00

 

I SOLISTI AQUILANI e Adriano Walter Rullo:full immersion nel segno della chitarra

Sarà la chitarra lo strumento principe per il concerto che i Solisti Aquilani, affiancati da Adriano Walter Rullo e diretti da Aurelio Canonici, terranno il 22 febbraio all’auditorium del Parco, ore 18.00.Di grande respiro il programma della serata che si apre con Elogio dell’incertezza per chitarra, archi e percussioni di Gianvincenzo Cresta,brano in prima esecuzione assoluta, commissionato da I Solisti Aquilani. A seguire:A fuego lento di Horacio Salgan, Bahia blanca di Carlos Di Sarli, Tango para mi juventud di Massimiliano Tisano, La Yumba di Osvaldo Pugliese, Danze rumene di Bela Bartok e Simple symphony di Benjamin Britten.

 

Adriano Walter Rullo ha iniziato i suoi studi di chitarra a Roma con il M° M. Gangi presso il Conservatorio di S. Cecilia dove ha conseguito il diploma con il massimo dei voti nel 1986.

Dopo aver proseguito il lavoro con il M° J.L. Lopategui a Barcellona,  intraprende nel 1989 un corso di studi con il M° Alberto Ponce presso l’ Ecole Normale de Musique de Paris, dove ottiene nel 1992, il I° premio al Concorso Superiore d’ Esecuzione.

Nel 1993  viene  premiato al prestigioso  Concorso Internazionale di Radio France, e da allora svolge un’ importante carriera concertistica che lo ha portato ad esibirsi come solista e con orchestra  in numerosi festival in tutta Europa. Ha registrato per la televisione italiana (RAI), per la radio francese (Radio France) e un C.D. Danze per la EM Recording.

Dal 1997 al 2006  ha studiato composizione con il M° Eduardo Ogando.

RAI .

Dal 2008 fa parte del PMCE (Parco della Musica Contemporary Ensemble ed è  il fondatore  dell’Ensemble Notturno Concertante con cui ha eseguito in prima mondiale ed in prima italiana, l’opera “ Quintetto Notturno Concertante” per chitarra e quartetto d’archi del  compositore italiano Fabio Vacchi, opera tra le più complesse del repertorio cameristico con chitarra, presso il Teatro Municipal di Bahia Blanca(Argentina) e presso il Museo d’Arte Contemporanea MAXXI a Roma.

 

Aurelio Canonici, diplomato in Pianoforte, si è perfezionato in Direzione d’orchestra alla celebre Accademia di Vienna (Hochschule für Musik). Nel giro di pochi anni ha poi diretto, tra gli altri, i Virtuosi di Santa Cecilia, l’Orchestra I Pomeriggi musicali, l’Orchestra Internazionale d’Italia, l’Orchestra Nazionale della Radiotelevisione Moldava, l’Orchestra Nazionale della Radio di Bucarest, l’Opera Nazionale di Varsavia, le Filarmoniche di Cracovia, Katowice, Stettino. Ha inciso a Varsavia un CD (Bellini, Leoncavallo, Tosti, Bixio) con il tenore Ryszard Karczykowski e l’Orchestra Sinfonica Nazionale della Radio. Ha anche diretto programmi di contaminazione con la musica Jazz (Miles in the Sky, per i 15 anni dalla scomparsa di Miles Davis) e con il Rock (Concerto grosso per i New Trolls, eseguito con l’Orchestra Yaso e disponibile su CD e DVD per l’etichetta BMA) e collaborato con prestigiosi solisti. Sue composizioni musicali sono state pubblicate sul CD Open Dialogues for Emotional Melodies per le “Edizioni Musicali Rai Trade”. Sempre per le edizioni “Rai Trade” è successivamente uscito il CD “Orchestral Movements”. Aurelio Canonici ha firmato per Rai 1 la Colonna sonora del documentario in quattro puntate “La Valigia con lo Spago”. Sempre per Rai 1 ha composto la colonna sonora del documentario “Musulmani Europei” (Edizioni “Rai Trade”) e, per Rai 2, per il film d’animazione “Spaghetti Western in the Water”. Nel 2012 è uscito il CD di musica sacra contemporanea intitolato Al sorgere del Sole: brani di Alessandro Benassai e Tommaso Palamidessi orchestrati da Aurelio Canonici alla guida della Budapest Mav Symphony Orchestra.

Aurelio Canonici affianca all’attività concertistica quella didattica, essendo Docente titolare della cattedra di Esercitazioni orchestrali presso il Conservatorio “Alfredo Casella” dell’Aquila.

 

INGRESSO: intero12.00 euro; ridotto 8.00 euro

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *