CONCLUSO CONVEGNO LEGA PER L’ITALIA: STILATI I 10 PUNTI PER L’ITALIA

CAIVANO – Conclusa stamane la conferenza programmatica della Lega per l’Italia “Progettiamo l’Italia”, al termine del quale il presidente nazionale Luigi Pergamo e i responsabili regionali del movimento Presidenzialista ed Europeista hanno stilato i dieci punti, definiti “I Dieci Comandamenti”, per cambiare l’Italia. Il Movimento, insieme al Partito Repubblicano Italiano con cui farà accoppiata elettorale, ha confermato il pieno sostegno al presidente della Regione Campania De Luca.

“Siamo un gruppo di moderati né di destra né di sinistra – ha detto nel suo intervento il presidente Pergamo -, stanchi di essere governati da incompetenti ed incapaci che hanno ridotto il Paese alla deriva. Vogliamo raccogliere sotto un unico simbolo tutti gli italiani moderati, delusi ed arrabbiati, che hanno il desiderio di ripartire la nostra nazione tanto amata. Siamo favorevoli sia al Mes che al Ricovery Found e chiediamo che lo Stato aiuti le imprese con liquidità subito prima che queste muoiano.

Alla tre giorni hanno partecipato tutti i responsabili regionali del partito, anche il segretario nazionale del Pri, l’onorevole Guido Milanese, responsabile nazionale del 3^ settore di Forza Italia e il membro della commissione sanità della Regione Campania Tommaso Amabile (Partito Democratico).

I dieci punti programmatici sono: meno tasse per cittadini ed imprese; meno burocrazia e pubblica amministrazione più efficiente; più sicurezza, giustizia più equa, più politiche sociali; maggiore qualità per scuola ed università; più garanzie per famiglie, giovani e pensionati; meno vincoli per l’Europa e ritorno alla moneta sovrana; rilancio dell’agricoltura ecosostenibile e tutela del Made in Italy; ristrutturazione sanità pubblica con ampi poteri alle regioni; rilancio del turismo e tutela ambiente attraverso innovazioni tecnologiche; gestione intelligente dei flussi migratori.

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *