CONTEMPORANEO: Pino Daniele rivive nello spettacolo di Ivan Improta

mercoledì 22 agosto 2018 ore 21:30

 

PINO DANIELE IN BLUES 4 EVER

regia Ivan Improta

 

danzatrice : Simona Vergara

voce narrante : Francesca Romana Bergamo

voce solista : Gianni Scardamaglio

bass: Valentina Teresa D’Amore

keyboard: Gennaro Lanzillo

drums: Lorenzo Campese

guitar: Raffaele Capricano

 

Ci siamo fatti guidare dalle canzoni e dalle frasi di Pino che sono diventate il filo conduttore . Abbiamo voluto creare un percorso emozionale e siamo letteralmente saliti su una barca, che ci ha riportati nei luoghi della Napoli di Pino Daniele, per raccontare la sua idea di musica in movimento perenne, come la società di quegli anni che lui stesso ha interpretato con una cifra innovativa e inimitabile” raccontandone il rapporto intimo e profondo con la sua città  Napoli e la capacità di essere un artista apprezzato a livello internazionale. Così da “Pino Daniele “ emergono la vita e gli incontri di un uomo unico, tra appocundria, musica e poesia: un nero a metà, un Masaniello, un uomo in blues capace di parlare un linguaggio aperto a tutti grazie a una relazione empatica e straordinaria con le terre in cui era nato.

 

Tributo a PINO DANIELE, in BLUES 4 EVER, il cantautore che è riuscito a coniugare il Blues, con la tradizione mediterranea, che con l’invenzione dell’angolo – napoletano ha spazzato via anni di retorica e di stereotipi ammassati alle falde del Vesuvio. Un percorso dalle mille note blues, guidate dallasplendida sirena  Partenope.

 

Così cantava Partenope, che provava un dolore dolce. La sua voce era una freccia che colpì il mio cuore. E’ scomparso improvvisamente, tradito da quel cuore che aveva cantato insieme all’amico  Massimo Troisi , questo spettacolo è un omaggio al mascalzone latino, alla sua arte, alla sua capacità di raccontare ( in musica e parole ) le mille contraddizioni di una Napoli  “ Che ‘a sape tutt’ ‘o munno  ma nun sanno  ‘a verità !

 

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *