Da venerdì 1 al teatro sannazaro BENEDETTO CASILLO IN Tanti guai per Felice Sciosciammocca” da Antonio Petito

Da venerdì 1 marzo alle ore 21,00

 

Benedetto Casillo in

 

“Tanti guai per Felice Sciosciammocca”

di Benedetto Casillo

 

da

Antonio Petito

 

Con

Personaggi Interpreti

Felice: Benedetto Casillo

Donna Virginia Patrizia Capuano

Aniello: Marco Lanzuise

Cavaliere Battiloro: Luciano Piccolo

Armando: Gennaro Morrone

Bettina: Enza Barra

 

produzione

Teatro Sannazaro
Centro di
Produzione

Al teatro Sannazaro per la linea “Tradizione la nostra” da venerdì 1 a domenica 3 marzo va in scena “Tanti guai per Felice Sciosciammocca” da Petito per l’adattamento di Benedetto Casillo.

“Don Felice Sciosciammocca creduto guaglione ‘e n’anno”, “Tutti avvelenati”, “Inferno, Purgatorio, paradiso” sono tre comicissime farse di Antonio Petito, padre del teatro popolare napoletano e non solo. Benedetto Casillo le ha intrecciate in un’unica storia che rappresenta le rocambolesche avventure del nostro Sciosciammocca.
Qui Don Felice, fantasioso ma squattrinato avvocato, si imbatte in un manesco e fumantino scarparo, padre di una bella fanciulla e di un pargoletto di appena un anno, avuto da una seconda moglie passata a miglior vita dopo che anche la prima consorte aveva prematuramente lasciato questa terra. Galeotto fu un paio di scarpe rotte da risuolare. Felice si innamora fulmineamente della bella ragazza e viene da essa ricambiato. Ma il focoso ciabattino è assolutamente contrario al fidanzamento della figlia con lo sgangherato avvocato, il quale giunge finanche a sostituirsi al neonato nella culla, pur di essere accanto alla bella fanciulla. Un affronto troppo grande per lo scarparo. Inizia in lungo inseguimento per le vie di Napoli. Don Felice avanti, e dietro di lui lo scarparo, la figlia dello scarparo e una comare dello scarparo con in braccio il più piccolo della famiglia. Sette giorni e sette notti sempre di corsa. Ma le disgrazie per Felice non finiscono mai. Si ritrova scambiato per un cane randagio e portato al canile comunale. E qui viene inseguito dalle guardie municipali che si accodano alla rincorsa dello scarparo e della sua combriccola. Quando Sciosciammocca crede di poter trovare un po’ di pace, sposando, contro la sua più intima volontà, una ricca racchia, ben presto deve scoprire che si tratta solo di un beffardo equivoco.
E intanto la caccia dello scarparo sembra giunta a compimento… ma finalmente un raggio di sole splende per il nostro eroe grazie ad una fortunatissima disgrazia. Non tutti i mali vengono per nuocere.

 

 

Ufficio stampa Teatro Sannazaro

Roberta D’Agostino 3384546447 dagostino.roberta@gmail.com

Diego Paura 3351612152 diegopaura@inwind.it

 

 

 

 

 

 

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *