Dai una mano al Mondo. Ognuno combatta con le proprie armi! Emozione, lealtà e reciprocità nel messaggio universale di Fabbrica Wojtyla.

Dai una mano al Mondo, Ognuno combatta con le proprie armi! ,Emozione, lealtà , reciprocità ,nel messaggio universale, di Fabbrica Wojtyla.
“Dai una mano al Mondo”
Ognuno combatta con le proprie armi!
Fabbrica Wojtyla, compagnia delle città di divulgazione culturale, con Casa Rut, centro di accoglienza per le vittime della tratta con Spazio Donna e Onemore, progetto per la cultura contro la violenza alla donna, hanno realizzato da Caserta in collaborazione con la Scabec la canzone inedita “Dai una Mano al Mondo” come sigla di un messaggio di coraggio e di unità universale nel momento in cui tutto il mondo sta affrontando una emergenza planetaria.
La canzone è dedicata a tutti coloro che in terapia intensiva combattono per la loro vita, a tutti coloro che con il loro impegno quotidiano stanno dando la più importante “mano al mondo” possibile e a tutti i cittadini che hanno compreso la fondamentalità del restare a casa e che potranno imparare a cantarla. Infine a chi non c’è più, eroi e vittime del tempo.
“Dai una mano al mondo”, con la sua spontaneità e autenticità intende condividere la convinzione che #andratuttobene.

“Dai una mano al mondo” riceve il sostegno di tanti che hanno deciso di sposare la filosofia di Fabbrica Wojtyla, tra cui citiamo Umberto Galimberti, Giorgio Napolitano, Massimo Bray, Vincenzo De Luca,  Mons. Raffaele Nogaro, Flavio Quarantotto.
 

Non possiamo dare la mano all’altro, ma possiamo darla al Mondo intero.

Trasmettiamo quindi il link del video nell’augurio che possiate aprirlo, diffonderlo e condividerlo per donare a chiunque lo veda, anche in un momento di duro e responsabile lavoro, un minuto di sorriso e di condivisa speranza. Grazie per la sensibilità.

https://www.facebook.com/341307316011718/posts/1606252046183899/?vh=e&d=n

I giovani di Fabbrica Wojtyla e Compagnia della Città

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *