“DAL MIO CUORE AL TUO” DI MATILDE MAISTO SARA’ OSPITE DI ARTEMISIA APS DI GRAZZANISE

Cancello ed Arnone (Redazione di Cancello ed Arnone News.it) – Nuovo incontro per il libro di Matilde Maisto “Dal mio cuore al tuo”. Questa volta la giornalista verrà ospitata da ARTEMISIA APS, Associazione di Promozione Sociale no profit, che nasce nel 2015 ed ha sede in Grazzanise(CE), via Nazario Sauro, 14.

Nata per volere di un gruppo di volontari, sostenuta dal forte desiderio di contribuire alla crescita sociale e culturale del proprio territorio, essa è un’Associazione regolarmente iscritta nel registro Regionale delle Associazioni NO PROFIT.

L’Associazione è finalizzata a promuovere iniziative formative, di sensibilizzazione e di supporto con particolare interesse per le arti, la scuola, il turismo, per la salute, la solidarietà umana e sociale, per l’ambiente e la natura, per l’educazione alla convivenza e al rispetto .

Per conseguire tali obiettivi, ARTEMISIA APS è proiettata ad interagire con persone, Enti, Associazioni ed Istituzioni adottando le seguenti linee operative: – Promuovere iniziative educative, didattico – formative e di aggiornamento professionale (corsi, seminari, tirocini); – Proporre la propria sede come luogo di incontri culturali, di aggregazione, di approfondimenti e dibattiti su temi di attualità o di specifico interesse, di sensibilizzazione (presentazioni di libri, giornate a tema, confronto con specialisti e professionisti di settore); – Porre particolare attenzione ai problemi di solidarietà, del disagio giovanile e di inclusione dei diversamente abili; – Promuovere iniziative per il tempo libero a carattere ludico, culturale, ricreativo e turistico (Campo Estivo, laboratori creativi, escursioni, gite istruttive).

Molte sono le attività svolte da ARTEMISIA APS, dice la Presidente dott.ssa Silvia Miele, e siamo lieti di presentare il libro “Dal mio cuore al tuo” di Matilde Maisto il prossimo 16 Marzo 2019 alle ore 18,30.

Dal canto suo la Maisto afferma che  fare la presentazione del  suo libro proprio in quella determinata data, è come ricevere un bel regalo, dal momento  che avviene esattamente due giorni successivi al suo onomastico: Santa Matilde, che ricorre il 14 marzo. E’ una felice coincidenza –lei dice , ma ciò che mi rende particolarmente e orgogliosamente gioiosa, è la consapevolezza che in quella occasione regalerò il mio cuore a tutte le persone che mi vorranno ascoltare ed emozionarsi insieme a me. “Dal mio cuore al tuo”, infatti non è un capolavoro della letteratura italiana, ma è un dono, in quanto con il mio libro intendo donare le mie emozioni, le mie debolezze, la mia gioia, tutto il mio cuore a coloro che vogliono accoglierlo con naturalezza, con grande dolcezza, in amicizia ed amore fraterno.

E così come dice lo scrittore Alessandro Zannini, con questo libro Matilde Maisto ha aperto i suoi cassetti, chiusi ma senza una serratura e, in punta di piedi, torna sui propri passi. Lo fa con discrezione, ma anche con coraggio. Non mente, non bara. Il suo intento è quello di esplorare una parte della vasta gamma dei sentimenti umani, fondendo presente e passato, sogno e realtà. In tale spaccato esistenziale, il fruitore potrà specchiarsi e riscoprire almeno un frammento della propria anima. In questa raccolta di racconti e poesie si intuisce subito, in maniera spontanea e schietta, l’immediatezza con la quale i sentimenti più svariati si susseguono in fasi temporali diverse: emerge una forza interiore che caratterizza il modo di pensare e di osservare la realtà circostante, di cogliere profondamente verità nascoste da negare e difficili da spiegare, assaporando intensamente qualche malinconica nostalgia di remoti ricordi. Una terrestrità, a volte, dolorosa. La voglia di scrivere è una conseguenza del modo di vivere dell’Autrice, è congeniale al suo essere, al suo modo di affrontare la realtà con l’impegno e la tenacia che le appartiene, di vedere oltre la superficie, di riassaporare profumi e sensazioni di luoghi familiari lontani e personali.

 

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *