Difesa: Ricordati oggi i caduti di Kindu

Roma, 2 dicembre 2016. Sono stati ricordati oggi, presso la Casa dell’Aviatore, a Roma, i tragici fatti di Kindu dove, 55 anni fa, caddero 13 aviatori italiani della 46esima Brigata aerea in missione di pace dell’ONU.

L’evento, organizzato con il patrocinio dell’Aeronautica Militare, dalla Fondazione Giovanna Dejua e dal Lions Club Roma Mare, è stato presieduto dal Sottosegretario di Stato alla Difesa, Onorevole Domenico Rossi.

Il Sottosegretario Rossi dopo aver rivolto un deferente pensiero a tutti i caduti nelle missioni internazionali, ha espresso sincera e affettuosa vicinanza alle famiglie che hanno conosciuto il dolore della perdita di un proprio congiunto nell’assolvimento del dovere.

“C’è un filo conduttore che unisce i nostri caduti a tutti i militari in servizio”, ha detto il Sottosegretario Rossi nel suo discorso, “credere nel giuramento prestato ed essere sempre pronti a sacrificare la propria vita per la Patria. Onorare quanti hanno assolto con onore il proprio compito fino all’estremo sacrificio, ci dona la forza per guardare avanti”.

Per l’occasione Poste italiane ha predisposto una cartolina filatelica da collezione che rielabora l’opera pittorica di Giovanna Dejua intitolata “I Martiri di Kindu” dove i 13 aviatori sono rappresentati da 13 stelle elevate da ali tricolori proiettate verso l’infinito.

Era l’11 o il 12 novembre del 1961, non è chiara la data esatta dell’evento, reso pubblico giorni dopo l’accaduto quando, a Kindu nell’ex Congo belga furono trucidati tredici aviatori italiani del contingente dell’Operazione delle Nazioni Unite in Congo inviato a ristabilire l’ordine nel paese sconvolto dalla guerra civile. L’11 novembre del 1994, l’allora Presidente della Repubblica, Oscar Luigi Scalfaro, li decorò con la Medaglia d’Oro al Valor Militare.

Capitano Massimiliano Rizzo
Addetto alla Comunicazione
Segreteria del Sottosegretario di Stato alla Difesa, On. Domenico Rossi
(+39) 348 7352 324
1

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *