Disservizi postali, i cittadini presentino denuncia ai Carabinieri e all’AGICOM per interruzione di pubblico servizio

SAN NICOLA LA STRADA – Sul sito Istituzionale del Comune di San Nicola la Strada è stato pubblicato un avviso alla cittadinanza firmato dal Responsabile dei Servizi Finanziari – Tributi: “Si informa che sono state inviate le bollette relative alla tari 2016 con scadenza della prima rata 20 gennaio 2017. Le stesse, pur consegnate  in tempo utile a poste italiane, non sono state ancora tutte recapitate, a causa di disguidi tecnici non imputabili al comune. per tale motivo non sarà applicata alcuna mora sul ritardato pagamento relativo alla prima rata”. La settimana scorsa avevo denunciato i gravi disservizi dell’Ufficio Postale cittadino nella consegna totale e/o parziale della corrispondenza e l’avviso pubblico alla cittadinanza da parte del responsabile comunale del Servizio Tributi ne è la più palese ed incontrovertibile conferma. L’Ufficio postale non potrà per questo negare le proprie colpe che, come al solito, queste ricadono solo sulle spalle dei cittadini costretti a correre dietro alle bollette in scadenza e che non arrivano. Il ritardo, a volte significativo, come pure il mancato recapito della corrispondenza più varia, ha generato una serie di lamentele e rimostranze che i cittadini sannicolesi pubblicano sui siti social al fine di risolvere i disagi tante volte denunciati. La corrispondenza viene consegnata ai cittadini, in grave ritardo e con generale malcontento e tensione tra questi e i portalettere sovraccarichi di quintali di corrispondenza, rispetto a tempo fa. Ma quali atti e/o denunce sta mettendo in atto l’Amministrazione comunale per tutelare i propri concittadini da quella che è una vera e propria “défaillance” da Parte di Poste Italiane ? Sono stati rilevati enormi ed ingiustificati ritardi nella distribuzione della corrispondenza spesso non consegnata al domicilio del cittadino. Altro ritardo è nella consegna di comunicazioni di bonifici e/o richieste di pagamento (luce, acqua, gas, TARSU, ICI, multe, ecc.), spesso consegnati addirittura dopo le scadenze, con un ritardo, di norma mediamente di oltre due settimane. A diversi mesi dalle prime segnalazioni continuano, dunque, i disservizi da parte di Poste Italiane per le famiglie sannicolesi che, da molti mesi, non ricevono regolarmente la corrispondenza. La situazione mi appare fuori controllo, e per questo motivo invito le persone che sono state defraudate da un servizio pubblico a sporgere formale denuncia presso la locale stazione dei Carabinieri, in modo che si apra una indagine per interruzione di PUBBLICO SERVIZIO. Solo così approderà sul tavolo della Procura di Santa Maria Capua Vetere il caso della mancata consegna della corrispondenza da parte delle Poste di San Nicola la Strada e quanto più numerose saranno le denunce che perverranno sulla scrivania del Luogotenente Francesco CIARDIELLO, comandante della locale Stazione dei Carabinieri sita in Via Milano, con maggiore intensità il Giudice potrà aprire un fascicolo di reato per “Interruzione di Pubblico Servizio” nei confronti dell’Ufficio Postale responsabile del disservizio. Successivamente, i cittadini sannicolesi potranno inviare copia della denuncia presentata ai Carabinieri allegandola ad un’istanza che andrà spedita all’AGICOM – Vigilanza nel settore postale, sita in Roma alla Via Isonzo 21/b, 00198 Roma. Nel quadro di liberalizzazione del mercato interno dei servizi postali è stato affidato all’Autorità AGCOM il compito di garantire la tutela degli utenti per gli eventuali disservizi imputabili a violazione degli obblighi posti a carico dei fornitori del servizio postale. L’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni esercita un’attività di vigilanza nel settore postale sul rispetto degli obblighi cui sono tenuti i fornitori dei servizi postali. Nell’ambito di tale settore di attività ha una particolare rilevanza la vigilanza in materia di tariffe, di parità di accesso e di servizio universale, trattandosi di temi cruciali nel processo di liberalizzazione del mercato postale avviato con le direttive comunitarie. Per rendere efficace il monitoraggio sul rispetto degli obblighi nel settore postale, all’Autorità di regolamentazione è attribuito anche un penetrante ed esteso potere sanzionatorio. Sono infatti previste sanzioni per la violazione di obblighi derivanti dal titolo abilitativo rilasciato ai soggetti che operano nel mercato (obblighi relativi al servizio universale, alla licenza individuale, all’autorizzazione generale).

Nunzio De Pinto

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *