Domani allo ZTN di Napoli sarà “Tutta colpa di Shakespeare”? Eroine delle grandi tragedie della letteratura parlano di femminicidio

Domani, sabato 9 maggio alle ore 21.00 è “TUTTA COLPA DI SHAKESPEARE” allo ZTN (vico Bagnara, 3a, nei pressi di Piazza Dante). Una data unica per lo spettacolo con la regia di Angela Rosa D’auria, che parla di femminicidio attraverso la voce delle protagoniste delle grandi tragedie della letteratura.

Che succederebbe se le protagoniste delle grandi tragedie della letteratura potessero prendere vita? Fonderebbero il Comitato di Liberazione delle Eroine Tragiche e si organizzerebbero per protestare del modo in cui i loro autori le hanno tolte di mezzo. Desdemona, Ofelia e Giulietta, coordinerebbero i lavori, ma non mancherebbero idee e supporto da parte di tutte quelle donne-personaggio costrette all’uscita di scena da una trama per mano del protagonista maschile.
Ci perdonerà il grande William Shakespeare se lo utilizziamo scherzosamente come pretesto per ragionare di un tema importante: troppi sono gli amori che terminano in disgrazia, e sempre più spesso con un femminicidio compiuto da fidanzati, compagni, mariti. Eppure noi donne continuiamo a sospirare leggendo le immortali storie tragiche, come se fossimo intimamente convinte che un amore, per valerne la pena, debba essere costellato di ostacoli e angherie per essere considerato bello e importante. Così, le prime a confondere possesso e violenza col romanticismo siamo proprio noi.
Le protagoniste di “Tutta colpa di Shakespeare” vogliono, invece, raccontarci una triste verità: continuare a perpetrare certe condotte e giustificare certi comportamenti del nostro partner non serve a molto. Una volte morte, non c’è più alcun amore da vivere, sognare, sospirare.
Dunque lasciamo le tragedie ai libri e le lacrime ai film. Non è certo “tutta colpa di Shakespeare” se le cose nella nostra società vanno in un certo modo, ma cominciare a fare la differenza tra l’universo immaginario e quello reale può essere l’inizio di un cambio di rotta. L’educazione alla parità di genere passa anche dalla cultura, e dai punti di vista che provengono dai suoi strumenti.

Sarà presente in questa data l’associazione GMA Gruppo Missione Alem GmaNapoli, da sempre impegnata in Etiopia con progetti di sostegno a distanza e volontariato con una testimonianza sul progetto donne in Shashamane e un mercatino/bazar con prodotti di artigianato.

Iride Associazione Culturale
presenta

“TUTTA COLPA DI SHAKESPEARE”

Regia SIMONA FORTE
Testi ROSARIA CARIFANO
Ass. alla regia ANGELA ROSA D’AURIA
Scenografia WANDA PAPA
Progetto grafico EMILIA SAGITTO

Con GRAZIA D’ARIENZO
ANGELA ROSA D’AURIA
SONIA DI DOMENICO

ZTN
ZONA TEATRO NAVIGANTI
Vico Bagnara, 3A, nei pressi di Piazza Dante, Napoli

Prenotazioni: 3285373495/ 3394290222

 

1

2

3

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *