“Donne per una pace sostenibile”, KFOR conferenza sulla prospettiva di genere

Celebrato il 15esimo anniversario della Risoluzione 1325 del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite su “Donne, Pace e Sicurezza”

Pristina, 28 ottobre 2015. Si è svolta oggi a Camp Film City, sede del Quartier Generale della forza multinazionale NATO Kosovo Force (KFOR), una conferenza internazionale sulla prospettiva di genere realizzata in occasione del 15esimo anniversario della risoluzione 1325 del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, approvata all’unanimità dal Consiglio di Sicurezza dell’ONU il 31 ottobre del 2000.

Nel suo discorso di apertura il Generale Miglietta ha sottolineato che “l’applicazione della prospettiva di genere permette di comprendere meglio la società. La nostra missione in Kosovo può risultare più efficace con una maggiore partecipazione femminile a tutti i livelli”, ha aggiunto il Generale Miglietta, “KFOR, nell’ambito del suo mandato, riconosce le persone stesse come il centro di gravità del Kosovo, ognuno con la propria sensibilità, percezione e volontà di cercare un futuro migliore per i propri figli”.

All’evento hanno partecipato i Gender Advisor di KFOR, UNMIK, OSCE ed EULEX che hanno analizzato il modo in cui la disuguaglianza di genere influenza i propri campi di provenienza e soprattutto, hanno condiviso le proprie esperienze personali soffermandosi sugli esempi di successo e sulle buone pratiche.

Tra i principali obiettivi della risoluzione 1325 quelli di: riconoscere il ruolo fondamentale delle donne nella prevenzione e risoluzione dei conflitti; prevedere una maggiore partecipazione nei processi di mantenimento della pace e della sicurezza nazionale; adottare una “prospettiva di genere”; formare il personale sui diritti delle donne.

Capitano Massimiliano Rizzo
Addetto Stampa NATO KFOR XX
Pristina (Kosovo)

cellulare 0039 366 622 0805

 

 

????????????????????????????????????

????????????????????????????????????

 

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *