E’ IL GENERALE QUINTAVALLE CECERE, NAPOLETANO D.O.C., IL NUOVO COMANDANTE DELLA GUARDIA DI FINANZA DI CATANIA

di Daniele Palazzo

 

NAPOLI-Presentato ieri, nel corso di un sobria, quanto sentita cerimonia, il nuovo Comandante della Guardia di Finanza di Catania. Si tratta del Generale Antonio Nicola Quintavalle Cecere, che, napoletano d’origine, va a sostituire il Colonnello Roberto Manna. Il passaggi odi consegne tra Manna e Quintavalle è avvenuto, presso la CVaserma “Ettore Majorana”, dello splendido capoluogo etneo, alla presenza del Generale gnazio Gibilaro, Comandante Regionale per la Sicilia, e di numerose ed importanti autorità civili, militari e religiose della città e del territorio. Durante lo stesso evento, il Comandante uscente delle Fiamme Gialle Catanesi ha provveduto anche a ricordare e fare memoria del sacrificio dei tantissimi Finanzieri caduti nell’adempimento del loro dovere, presso il cui monumento, ubicato in Piazza San Francesco Di Paola, poco prima, accompagnato dallo stesso Quintavalle, dal Consigliere Nazionale per la Regione Sicilia dell’A.N.F.I. e dal Presidente della locale Sezione, aveva reso omaggio deponendo una corona d’alloro. Nato a Napoli 51 anni fa, il Generale Quintavalle Cecere, che, in carriera, ha già  ricoperto delicati e prestigiosi incarichi, tra cui il Comando di Reparti territoriali, del Gruppo di Investigazione sulla Criminalità Organizzata di Napoli e del Nucleo di polizia tributaria di Bari, vede il “mosaico” professionale ulteriormente impreziosito da questo nuovo ed importante tassello curriculare. Laureato in Giurisprudenza e in Scienze della Sicurezza Economico-Finanziaria, presso la prestigiosa Università degli Studi “Federico II, di Napoli, il nuovo Comandante della Fiamme Gialle catanesi proviene dal II Reparto Coordinamento Informativo e Relazioni Internazionali del Comando Generale. Ma, non è tutto. A dare maggiore peso e sussistenza al palmares ‘quintavalliano’, i titoli di partecipazione ai corsi istituiti dai responsabili della Titolato ‘Scuola Superiore di Polizia Tributaria’ e dell’Istituto Alti Studi Difesa’.

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *