E’ stato accolto dal calore dei circoli di Parete e Trentola Ducenta, il candidato alla Regione del Partito democratico Franco De Michele

E’ stato accolto dal calore dei circoli di Parete e Trentola Ducenta, il candidato alla Regione del Partito democratico Franco De Michele durante il suo mini tour nei Comuni dell’agro aversano accompagnato dalla senatrice Rosaria Capacchione. «E’ sempre emozionante incontrare gli amici di questi territori, anche perché qui affondano parte delle mie radici politiche e personali – ha esordito De Michele – ringrazio tutti per l’affetto ricevuto e per il grande incoraggiamento che mi è stato trasmesso». Ma, Trentola e Parete, sono state soprattutto occasioni per De Michele per parlare di politica e di programmi. «L’agro alimentare rappresenta un punto di forza per l’economia di questi territori. Il prossimo consiglio regionale deve sostenere il comparto con provvedimenti mirati che tendano anche a distinguere e a contingentare le aree interessate dall’emergenza rifiuti – ha spiegato – con la senatrice Capacchione e con il gruppo di Rifare l’Italia abbiamo già assunto un impegno concreto in questa direzione nelle scorse settimane con la presentazione della nuova proposta di legge sui reati ambientali». A tal proposito De Michele si riallaccia su quello che è il tema della sua campagna elettorale: sviluppo legale. «Loribadirò all’infinito: senza legalità non ci può essere sviluppo – ha sottolineato il candidato al consiglio regionale – la garanzia della crescita per territori strategici come i nostri, dove ci sono tante potenzialità, passa attraverso una politica trasparente che tuteli i processi collettivi e non gli interessi di alcuni. Il prossimo consiglio regionale, gestirà l’ultimo treno di finanziamenti europei: solo scelte cristalline potranno permettere ai nostri territori di usufruire di somme importanti utili a uscire dal momento di crisi complessiva che la provincia sta vivendo. Con la senatrice Capacchione e con il gruppo di Rifare l’Italia, siamo impegnati da tempo in questa battaglia, riuscendo ad ottenere già i primi risultati significativi».

1

2

3

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *