Golden Tulip VolAlto, alcune precisazioni importanti del presidente Nicola Turco.

Presidente dopo un intero girone, finalmente è arrivata la vittoria

 

Io sono prima tifoso!!! Si è stata una liberazione, un successo meritato che avrebbe anche potuto essere più rotondo. Volevo una squadra arrabbiata, decisa e determinata. Ero e sono stanco di vedere le giocatrici che indossano la maglia della VolAlto subire, senza reagire,  parziali così netti. Contro Montecchio in parte ho avuto le risposte che cercavo, anche se il quarto set non mi è affatto piaciuto e dagli spalti non ho nascosto il mio disappunto facendo sentire la mia voce sia alle atlete che ai tecnici in panchina e confesso che ho avuto la tentazione di mandare anche loro a casa

 

Sei mesi vissuti sempre in prima linea per il bene del team che rappresenta Caserta

 

Da quando è cominciata la stagione non abbiamo fatto mai mancare nulla alla squadra. Abbiamo consentito alle ragazze di pensare solo a giocare, azzerando al massimo ogni pensiero e problematica. Abbiamo provato a coniugare al massimo l’idea di top club con quello di famiglia. Nel senso che le nostre ragazze devono venire a Caserta sapendo di far parte di un club serio dove vigono regole precise e inderogabili e dove saranno sempre accolte come in una grande famiglia. Spesso, però, siamo rimasti delusi da alcuni comportamenti in campo e fuori, le sconfitte e soprattutto, il modo in cui sono maturate, mi hanno spinto a prendere in questa stagione alcune drastiche decisioni.

 

Come quella di ridurre gli stipendi

 

Sino alla scorsa mensilità siamo stati puntuali. Stavolta, proprio per il discorso che facevo prima, ho deciso di dare solo metà delle spettanze alle giocatrici. Una decisone ponderata e voluta per mandare un chiaro segnale a tutti. Da come la squadra ha reagito mi sembra che il messaggio è stato ben recepito

 

I procuratori delle atlete hanno avuto da ridire

 

Francamente non me ne importa niente. Basta dare tanta importanza a queste figure. Le atlete sono sotto contratto con la VolAlto e certamente noi non accettiamo minacce più o meno velate da parte di chi le rappresenta. Tra pochi mesi finirà la stagione e senza dubbio nel nostro progetto di crescita andremo a lavorare solo con determinati procuratori e agenzie di ampio respiro internazionale e persone serie.

 

Presidente, insomma, vale il vecchio adagio del bastone e carota?

 

Domani faccio saldare il restante 50% , e sia ben chiaro: se da qui a fine stagione vedrò sempre impegno massimo, totale dedizione alla causa, fierezza di rappresentare Caserta e piena convinzione di far parte di un club importante quale è la VolAlto, non ci saranno frizioni o contrasti. Chi indossa questa maglia deve dare sempre il 101% perché da noi riceverà sempre il 101%”. Altrimenti farò una conferenza stampa e insieme a tutti i giornalisti casertani decideremo a quale Chiesa daremo i loro stipendi in beneficenza. L’ anno prossimo agiremo diversamente, chi verrà a Caserta avrà fideiussione bancaria e firmerà disciplinare societario. Diritti e doveri sia da parte nostra e sia dalle atlete. Già ho pagato uno scotto che non auguro al peggior mio nemico, voglio serietà!!!!

 

Antonio Luisè

Addetto stampa VolAlto

 

 

 

 

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *