Grande successo per il progetto filosofico “Totalitarismi e dignità umana in Hannah Arendt”

 AVERSA. La filosofia diventa priorità aversana. Martedì 16 aprile, presso il seminario vescovile in Piazza del Duomo, si è tenuto l’incontro finale del progetto “Totalitarismi e dignità umana in Hannah Arendt” promosso dalla scuola di filosofia “Serra International Italia”. Il progetto ha coinvolto i licei di Aversa e dell’agro: “Jommelli” con la prof.ssa Lucia Mariniello, l’artistico “L. Giordano” con il prof. Pasquale Vitale, il classico “Caracciolo” con la prof.ssa Oriana Mottola, lo scientifico “Siani” con la prof.ssa Sonia Ebraico, lo scientifico “Fermi” con la prof.ssa Ida Rotunno e Iolanda Ricciardi; il liceo “Siani” di Sant’Arpino con la prof.ssa Maria Clotilde Dell’Aversana, lo scientifico di Trentola con la prof.ssa Giovanna Antico, il circolo didattico “Stefanile” e la scuola media “De Curtis” con la prof.ssa Giuseppina Giuliano. 

La mattinata, con vari intermezzi musicali a cura di Fabio Schember (ex studente dell’artistico), ha visto l’introduzione della prof.ssa Maria Luisa Coppola e del prof. Antonio Serpico, i saluti delle autorità e del vescovo, Angelo Spinillo. Gli studenti hanno presentato gli elaborati inerenti al tema attraverso video, mostre e recitazioni. 

“Sono molto orgoglioso – afferma il prof Pasquale Vitale- del lavoro dei ragazzi dell’artistico. Hanno dato vita ad elaborati multimediali molto interessanti, spaziando dalla filosofia a fumetti alla progettazione di interviste immaginarie. Si sono impegnati molto e con tanta passione. Queste iniziative sono importantissime per gli studenti. Aiutano a stimolare la loro immaginazione e a sviluppare un proprio pensiero critico. Non solo, progetti come quelli promossi dalla scuola di filosofia Serra inducono gli studenti ad avere una visione che si distacca dal canonico studio didattico, ma che li inducendo a vedere oltre”.

A tutti gli studenti è stato consegnato un attestato di riconoscimento.

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *