Grande successo per il ritorno di “Capua il Luogo della Lingua Festival”

Un Palazzo Lanza gremito fa da sfondo alla decima edizione della rassegna

Entusiasmo e grande partecipazione. Si potrebbe riassumere così, con sole due parole, il successo della decima edizione di “Capua il Luogo della Lingua Festival”, la rassegna di letteratura, cinema, teatro, musica, architettura, arte e gastronomia che sabato scorso ha preso il via a Palazzo Lanza. Un vero e proprio trionfo, preannunciato dal ricco programma di eventi e dagli ospiti d’eccezione che per tre weekend consecutivi animeranno l’Ex Libris di Corso Gran Priorato di Malta con l’obiettivo di promuovere la città di Capua capoluogo culturale della provincia di Caserta. Per i primi due giorni, sabato 13 e domenica 14 giugno, il Festival ha riscosso tanti consensi con appuntamenti imperdibili e completamente gratuiti, riunendo artisti di fama mondiale innamorati del nostro territorio e legati da profonda stima e amicizia al direttore artistico Giuseppe Bellone. Emozionanti il taglio del nastro in ricordo dell’indimenticabile Massimo Troisi, ricordato dall’autore e giornalista Antonio Pascale; e l’esibizione della cantante e attrice di origini tunisine M’Barka Ben Taleb, in “Inversa Africa” con Arcangelo Michele Caso, Gianluca Rovinello e Francesco Paolo Manna; interesse durante la presentazione degli ultimi romanzi di Lorenzo Marone, Luigi Romolo Carrino, e Paolo Mastroianni. Un Palazzo Lanza letteralmente gremito domenica pomeriggio ha fatto da cornice alla presentazione del volume “Petra Narrat”, un progetto editoriale ideato e curato da Antimo Cesaro, Deputato della Repubblica; Jolanda Capriglione, assessore alla Cultura del Comune di Capua; e Carmine Antropoli, sindaco di Capua. L’attrice Veronica Mazza ha letto alcuni estratti dal volume che racchiude i “Racconti meravigliosi delle pietre di Capua” attraverso l’esperienza, l’amore, le emozioni, l’impegno e la penna di ben trenta artisti. Politici, scrittori, architetti, giornalisti, ingegneri, architetti e docenti uniti dal desiderio di dar voce al nostro territorio. Grande coinvolgimento, infine, con il reading musicale dello scrittore Diego De Silva, che domenica sera ha chiuso il primo weekend del Festival leggendo alcuni brani delle sue opere, accompagnato dalla musica del contrabbasso di Aldo Vigorito e del sax di Stefano Giuliano. Intanto, venerdì 19 giugno il festival riprenderà per incantare e illuminare Palazzo Lanza con un nuovo weekend d’arte e tanti altri ospiti d’eccezione. Si ripartirà alle ore 17 con un interessante convegno sul Trattato di Casalanza. In occasione del bicentenario dalla firma del trattato che pose fine al decennio napoleonico nel regno, stipulato a pochi chilometri da Capua il 20 maggio del 1815, tra l’esercito austriaco e quello napoletano di Gioacchino Murat, la docente e giornalista casertana Nadia Verdile discuterà di “Verso una modernità possibile. Il Trattato di Casalanza: tra continuità e discontinuità” con Maria Rosaria Rescigno, ISSM-CNR; Carlo Lanza, Famiglia Lanza; Carmine Antropoli, primo cittadino di Capua; Giovanni Diana, sindaco di Pastorano; Giovanni Salemi, Istituto di Ricerca Storica delle Due Sicilie; e Pierluigi Sanfelice di Bagnoli, del Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio. Seguirà un reading del noto letterato e attore casertano Massimo Santoro, dal 2014 membro della storica Accademia Tiberina, l’associazione romana fondata nel 1813 da un gruppo di cittadini, dotti e letterati con l’obiettivo di coltivare le scienze e le lettere latine e italiane. Al termine, dalle ore 21, la prima serata del secondo weekend si concluderà all’Ex Libris Ristorante, quando l’arte sposerà alla perfezione il gusto per una cena tematica ispirata all’Ottocento e intitolata “Le stagioni di Capua. A cena con la Storia. Mille anni tra letture e degustazioni. L’Ottocento: dal Trattato di Casalanza a Ferdinando Palasciano”. Un tuffo nella storia e nelle origini del nostro territorio accompagnato dalla scoperta delle eccellenze culinarie. Pomeriggio di storie e racconti quello che prenderà il via sabato 20 giugno: alle ore 18.30, la giornalista e senatrice del Pd Rosaria Capacchione, membro della Commissione parlamentare Antimafia, da anni costretta a vivere sotto scorta per le sue inchieste sugli affari illeciti del clan dei casalesi, incontrerà a Palazzo Lanza Francesco Caringella, giudice, membro del Consiglio di Stato e autore di “Non sono un assassino”; e Luisa Bossa, deputato al Parlamento per il Partito Democratico, sindaco di Ercolano dal 1995 al 2005, e autrice di “Donne in carne e ossa”. Due volumi che, seppur partendo da casi e delitti diversi, offrono uno spaccato interessante sull’attualità, sui fenomeni malavitosi e sul femminicidio. Dalle ore 20, poi, riflettori accesi su “Un pallido sole che scotta. Da Africo a Napoli, viaggio nel cuore del Sud”, il libro che racconta il Meridione tra amore e tormento di Francesco De Core. L’autore ne discuterà con la scrittrice Marilena Lucente e in seguito l’attrice napoletana Gea Martire, famosa per aver lavorato, tra gli altri, con registi del calibro di Mario Monicelli, Dino Risi, Ettore Scola e Carlo Verdone, ne leggerà alcuni passi accompagnata dal pianoforte di Lello Petrarca. Gran finale, dalle ore 22, con un magico tributo all’arte di Pino Daniele eseguito dall’Ensemble vocale del Teatro di San Carlo: i Cantori Neapolitani presenteranno “Canto sommerso”, una rapsodia di Alessandro De Simone, su musiche di Pino Daniele, per gruppo vocale, pianoforte e mandolino. Spazio alla piccola editoria e all’impegno degli scrittori emergenti domenica pomeriggio, dalle 19.30, per una riflessione sulle difficoltà che incontra oggi uno scrittore desideroso di raggiungere il successo letterario. Con Marilena Lucente e l’editrice Silvia Tessitore, di Zona editrice, ne discuteranno gli scrittori Malfisia Foniciello, autrice di “E poi ci sono io”; Enzo Marino, autore di “Belle pazzie e bugiarde aurore”; Giuseppe Melone, autore di “Niente altro che uno sguardo discreto”; Michela Salzillo, autrice di “Confessioni del cuore”; e Mario Campagnuolo autore di “E si confonde il mio con il tuo respiro”. Il secondo appuntamento con “Capua il Luogo della Lingua Festival” si concluderà con il reading di Salvatore Minieri, che si esibirà in “Piccola storia di giunchi anarchici”, un monologo in due respiri, tra contadini e salsedine, tratto dal suo libro “I padroni di sabbia. Villaggio Coppola storia di un declino”. Qualche giorno di pausa e poi il Festival tornerà ad emozionare e ad incantare venerdì 26 giugno, per un altro weekend alla scoperta dei diversi linguaggi dell’arte.
“Capua il Luogo della Lingua Festival” è promosso dall’associazione Architempo, con il sostegno dell’Ex Libris e della Biblioteca di Palazzo Lanza, e si avvale del sostegno di C.R.E.S.O. e del patrocinio gratuito del Comune di Capua e degli assessorati alla Cultura e al Marketing territoriale.

Valentina De Lucia
v.delucia@hotmail.it
valentinadelucia87@gmail.com
389/8877696

 

X EDIZIONE “CAPUA IL LUOGO DELLA LINGUA FETIVAL”
PROGRAMMA DAL SECONDO WEEKEND

direzione artistica Giuseppe Bellone

https://www.facebook.com/exlibris.palazzolanza/photos/a.1457809451196051.1073741833.1415993352044328/1457809561196040/?type=3&theater

Nei weekend dal 13 al 28 giugno letteratura, musica, cinema e gastronomia

Venerdì 19 giugno

ore 19.00 Palazzo Lanza
Bicentenario del Trattato di Casalanza 1815 – 2015
Verso una modernità possibile. Il Trattato di Casalanza: tra continuità e discontinuità.

Nadia Verdile giornalista e scrittrice
incontra
Maria Rosaria Rescigno ISSM-CNR
Indirizzi di saluto
Carlo Lanza – Famiglia Lanza
Carmine Antropoli – Sindaco di Capua
Giovanni Diana – Sindaco di Pastorano
Giovanni Salemi – Istituto di Ricerca Storica delle Due Sicilie
Pierluigi Sanfelice di Bagnoli – Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio

A seguire reading di Massimo Santoro – Accademia tiberina

Ore 21.00 Ex Libris ristorante
Le stagioni di Capua. A cena con la Storia. Mille anni tra letture e degustazioni
L’Ottocento: dal Trattato di Casalanza a Ferdinando Palasciano.
Cena con menu tematico ispirato all’Ottocento
(per info e prenotazioni Ex Libris tel. 0823 622924 – 3389993220

Sabato 20 giugno

ore 18.30 Palazzo Lanza
Rosaria Capacchione
incontra
Francesco Caringella autore di Non sono un assassino Newton e Compton edizioni
Luisa Bossa autrice di Donne in carne e ossa Centoautori

ore 20.00 Palazzo Lanza
Marilena Lucente
incontra
Francesco De Core autore di
Un pallido sole che scotta. Da Africo a Napoli, viaggio nel cuore del Sud Edizioni Spartaco

ore 20.30 Palazzo Lanza
Reading musicale
Gea Martire
legge
Francesco De Core autore di Un pallido sole che scotta. Da Africo a Napoli, viaggio nel cuore del Sud Edizioni Spartaco

al pianoforte Lello Petrarca

ore 22.00 Palazzo Lanza
L’Ensemble vocale Teatro di San Carlo
Cantori Neapolitani
presenta
Canto sommerso
Rapsodia su musiche di Pino Daniele
Per gruppo vocale, pianoforte e mandolino
di Alessandro De Simone

soprani
Margherita De Angelis, Antonella Sdaia
contralti
Antonietta Bellone, Clorinda Vardaci
tenori
Alessandro Lualdi, Giuseppe Valentino
bassi
Rosario Natale, Giuseppe Scarico
mandolino
Marianna Astarita
pianoforte
M° Vincenzo Caruso

Domenica 21 giugno

ore 19.30 Palazzo Lanza
Il sogno nel cassetto
La piccola editoria e l’autopubblicazione sono spesso il primo passo per il successo letterario.
Ma sono piene di insidie, trappole e rischi. Vale la pena pubblicare sempre e comunque?
Marilena Lucente ne discute con l’editrice Silvia Tessitore di Zona editrice e gli scrittori:

Enzo Marino autore di Belle pazzie e bugiarde aurore
Giuseppe Melone autore di Niente altro che uno sguardo discreto
Michela Salzillo autrice di Confessioni del cuore
Mario Campagnuolo autore di E si confonde il mio con il tuo respiro
Malfisia Foniciello autrice di E poi ci sono io

ore 21.00 Palazzo Lanza
Reading
Salvatore Minieri
In
Piccola storia di giunchi anarchici
(monologo in due respiri, tra contadini e salsedine)
Tratto dal suo libro
I padroni di sabbia. Villaggio Coppola storia di un declino

Gli eventi dei prossimi weekend

Venerdì 26 giugno

ore 21.30 Palazzo Lanza
Pino Imperatore & Friends in
GIOCHI DI LINGUA
Session comica con la partecipazione di
Edgardo Bellini
Maurizio De Angelis
Francesco Di Domenico
Gianni Puca
Lucio Rufolo
Un divertente viaggio nella comicità, nell’umorismo e nella ludolinguistica a partire dall’ultimo romanzo di Pino Imperatore, “Questa scuola non è un albergo” (Giunti). Le tappe del percorso creativo e narrativo all’insegna della risata realizzato negli ultimi dieci anni a Napoli dal GULP (Gruppo Umoristi Ludici Postmoderni) e dal Laboratorio di scrittura comica e umoristica “Achille Campanile”.
Pino Imperatore è nato a Milano nel 1961 da genitori emigranti napoletani. Vive ad Aversa e lavora a Napoli, dove nel 2001 ha fondato il Laboratorio di scrittura comica e umoristica “Achille Campanile”. Ha esordito per Giunti con “Benvenuti in casa Esposito” (2012) e “Bentornati in casa Esposito” (2013), veri e propri bestseller del passaparola. Dal primo romanzo ha tratto, con la collaborazione di Paolo Caiazzo e Alessandro Siani, una commedia teatrale di grande successo. Tra i numerosi riconoscimenti, ha ottenuto il premio “Massimo Troisi” per la scrittura comica. Con Nando Mormone ha curato l’antologia “Capita solo a Napoli” (Mondadori, 2014). Da poche settimane è in libreria il suo nuovo romanzo, “Questa scuola non è un albergo”.

Sabato 27 giugno

ore 21.00 Palazzo Lanza
Incontro con
Enrico Ianniello
Autore di
La vita prodigiosa di Isidoro Sifflotin

Conduce Mariamichela Formisano

Il Libro
Isidoro nasce in uno sperduto borgo della provincia di Avellino, con una dote tutta speciale: fischietta come un uccello. La sua infanzia trascorre felice tra l’amore per i suoi strambi genitori e quello per Marella, una bellissima bambina spastica con cui comunica a parole stentate e molti cinguettii. Come migliori amici, un merlo indiano e un operaio con il sogno di fondare una rivoluzione di classe sul suo insolito talento fischiante. Nel volgere di un niente, però, la rivoluzione fallisce, Marella si trasferisce a Napoli e i genitori di Isidoro se ne vanno insieme al terremoto dell’Ottanta. Recluso in orfanotrofio e privato definitivamente della parola a causa dello choc, Isidoro viene salvato da Enzo, il cieco del paese, che lo conduce nella grande città: Napoli. Ma neanche Enzo è cieco per davvero, lo è per una delusione d’amore, e questo è il segreto che li rende inseparabili. Piano piano, i due riacquistano le facoltà perdute, Isidoro trova un lavoro e rimane a vivere nello splendido appartamento nel cuore di Napoli di cui Enzo gli fa dono. Un giorno come gli altri, tra le gabbiette di un piccolo negozio di animali, Isidoro riconosce un profilo che non ha mai dimenticato: è Marella. Da allora in poi sarà amore, e sarà per sempre.
Enrico Ianniello (Caserta, 1970) è un attore, regista e traduttore. Ha lavorato a lungo nella compagnia di Toni Servillo. Dal catalano ha tradotto le opere di Pau Miró. Al cinema ha lavorato con Nanni Moretti nel film Habemus Papam, Mia madre, in televisione è il commissario Nappi della serie “Un passo dal cielo” a fianco di Terence Hill. Per Feltrinelli ha pubblicato “La vita prodigiosa di Isidoro Sifflotin” (2015), il suo primo romanzo, con il quale ha vinto il Campiello opera prima 2015, tra i vincitori del Premio Selezione Bancarella 2015, attualmente finalista al Premio Berto 2015.

Domenica 28 giugno

ore 19.30 Palazzo Lanza
Le donne di Terra di Lavoro
Un incontro dedicato alla enogastronomia al femminile di Terra di Lavoro

Marina Alaimo
incontra
Liliana Lombardi e il suo Conciato romano,
Manuela Piancastelli e il suo Pallagrello,
Antonietta Melillo e la sua Cipolla alifana,
Rosanna Marziale, la chef stellata de Le Colonne

Donne straordinarie che con coraggio e passione sono state spesso motivo di riscatto ed orgoglio per questo areale che in genere fa notizia per questioni poco edificanti.

ore 21.30 Palazzo Lanza

Giuseppe Montesano
Incontra
Matteo Garrone
Regista e sceneggiatore del film
Il racconto dei racconti (2015)
Tratto da Lo Cunto de li cunti di Gianbattista Basile

Letteratura, cinema, teatro, musica, architettura, arte e gastronomia. Dal 13 al 28 giugno prossimi torna al Palazzo Lanza “Capua il Luogo della Lingua Festival”, la rassegna nata nel 2005 con l’obiettivo di promuovere la città di Capua capoluogo culturale della provincia di Caserta. Un festival ricco di eventi, completamente gratuiti, che anche quest’anno trasformerà l’Ex Libris di Corso Gran Priorato di Malta in un meraviglioso palcoscenico che per tre weekend consecutivi darà vita ad un unico, grande, spettacolo in grado di fondere realtà, linguaggi e stili diversi che rappresentano la ricchezza artistica e culturale del nostro territorio. Tra i numerosi ospiti d’eccezione che animeranno questa decima edizione: il regista Matteo Garrone; attori del calibro di Gea Martire e Valeria Mazza, ma anche l’attore Enrico Ianniello in veste di scrittore insieme scrittori dalla penna inconfondibile come Antonio Pascale, Giuseppe Montesano, Diego De Silva, Francesco De Core, Rosaria Capacchione, Pino Imperatore, Luigi Romolo Carrino, le nuove voci campane come Lorenzo Marone, Paolo Mastroianni, Salvatore Minieri, il magistrato/scrittore Francesco Caringella, la deputata/scrittrice Luisa Bossa; musicisti di fama come M’Barka Ben Taleb, Aldo Vigorito, Stefano Giuliano, Lello Petrarca e i Cantori Neapolitani del Teatro di San Carlo e tanti altri ancora.
Non è un caso se da dieci anni ormai, per dare la giusta espressione e riuscire a riunire in un unico festival una tale varietà di artisti ed eventi, il direttore artistico Giuseppe Bellone e l’associazione Architempo continuano a scegliere Capua, l’antica e affascinante città del Placito Capuano, il primo documento del volgare italiano che nel 960 d.C. sancì la nascita della nostra lingua.
Il Festival, promosso dall’associazione Architempo con il sostegno dell’Ex Libris e della Biblioteca di Palazzo Lanza, si avvale del sostegno di C.R.E.S.O. e del patrocinio morale del Comune di Capua e degli assessorati alla Cultura e al Marketing territoriale.

Ex Libris di Palazzo Lanza
caffetteria e ristorante, libreria e biblioteca,
eventi e musica, bed and breakfast
C.so Gran Priorato di Malta 25 Capua Ce
0823622924 – 338999322

 

 

1

2

3

4

5

6

7

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *