GRAZZANISE – Banco Alimentare, l’Assessora Parente: “Facciamo chiarezza”

A riguardo delle notizie fatte circolare ad arte sugli organi di informazione dai Consiglieri di Minoranza, appartenenti al movimento Senso Civico, con l’unico scopo di gettare discredito sull’operato dell’Amministrazione Gravante- che fin dal suo insediamento ha posto in essere (e continua a programmare) azioni amministrative a favore delle fasce della popolazione più deboli- per squallidi scopi elettorali non tenendo conto che le elezioni si sono svolte appena a Giugno 2015 e che le prossime si svolgeranno nel 2020.
Si precisa:
1) Lo scorso 27 gennaio, come da calendario concordato con Banco Alimentare Onlus è stata effettuata la consegna degli alimenti al Comune di Grazzanise e nello stesso pomeriggio veniva effettuata la “distribuzione” dei pacchi “sigillati” dal personale addetto e incaricato dall’Ente Comune onde evitare di far andare a male le verdure fresche;
2) Negli orari di distribuzione alcuna persona esterna all’elenco era presente nei locali in cui si effettuava la consegna agli aventi diritto al “pacco alimentare” e la persona accusata di “spuntare” i nomi e di collaborare con gli addetti era una persona regolarmente inserita negli elenchi;
3) I locali in cui sono depositati e conservati (solo per poche ore) i “pacchi alimentari”, sono stati oggetto di ispezione e ritenuti idonei dai tecnici del comune di Grazzanise;
4) L’azione di questa Amministrazione, come facilmente si può evincere dagli atti, è volta alla trasparenza e alla tutela della privacy e difesa della dignità di tutti i cittadini, contrariamente all’azione dei Consiglieri Comunali di Minoranza che in data 13/01 addirittura ad iter non concluso pretendevano di conoscere i nominativi delle persone incluse in graduatoria e si presentavano presso la Casa Comunale con soggetti non eletti dal popolo e pertanto quest’ultimo non ha alcun diritto di richiedere e accedere ai documenti.

Concludendo questa Amministrazione ha operato ed opererà al fine di alleviare le problematiche dei più bisognosi senza guardare colore politico perché realmente cosciente delle esigenze dovute alla crisi economica con conseguente mancanza di lavoro perché come la maggior parte dei cittadini vive la vita reale e quotidiana e non in bunker dorati con vita più che agiata dove il quotidiano diventa superfluo.

Grazzanise, 29/01/2016

L’ASSESSORE ALLE POLITICHE SOCIALI
GABRIELLA PARENTE

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *