Il Bilancio di fine anno della Camera di Commercio tra riduzione del diritto annuale e nuove iniziative: parte la campagna anticontraffazione

La riforma delle Camere di Commercio e le attività messe in campo dalla CCIAA di Caserta sono stati i temi affrontati dal presidente, Tommaso De Simone nel corso della tradizionale conferenza stampa di fine anno durante la quale il presidente ha anticipato le imminenti iniziative come la campagna contro la contraffazione, organizzata dopo un confronto in prefettura, la settimana scorsa, nel corso del Comitato per l’ordine pubblico e sicurezza. «La campagna sarà orientata nei confronti dei bambini puntando sui giocattoli e spiegando attraverso un’immagina grafica che quelli che non hanno il marchio “CE” oppure è contraffatto sono estremamente pericolosi; poi metteremo al centro anche le altre attività d’intesa con le autorità che contrastano la contraffazione». A dichiararlo è Tommaso De Simone anticipando il messaggio anticontraffazione di cui sarà promotrice la Camera di Commercio di Caserta. «Nonostante le Camere di Commercio – ha spiegato De Simone – siano state oggetto di riforma, la CCIAA di Caserta ha continuato a lavorare per le imprese casertane, voglio solo ricordare tutto il percorso dell’internazionalizzazione che ci ha fatto raggiungere sull’export performance importanti, nonostante i primi nove mesi del 2014 ci abbiano fatto registrare una leggera contrazione rispetto agli stessi mesi del 2013; l’intervento a favore delle imprese agricole, relativo ai macchinari innovativi dal punto di vista tecnologico puntando sul risparmio energetico e dell’acqua e il progetto Sos legalità , qui la CCIAA di Caserta è capofila nell’Italia meridionale per la gestione di 11 beni confiscati alla criminalità organizzata rispetto ai quali stiamo sperimentando un modello di gestione. Voglio ricordare anche i Percorsi di luce che ci hanno consentito di creare un vero e proprio format, tutto targato Camera di Commercio, quasi a costo zero per l’Ente che ci ha fatto raggiungere 10 mila visitatori paganti ». A conclusione dell’incontro con i giornalisti De Simone si è soffermato sul progetto di riforma della Pubblica amministrazione che prevede, per il 2015, la riduzione del diritto annuale (del 35%) e le Camere di Commercio, da 105, diventeranno 60. «Affronteremo il 2015 – ha concluso De Simone – con meno risorse ma cercheremo di intervenire in maniera mirata e chirurgica per assicurare iniziative a sostegno delle imprese. Con orgoglio rivendico l’efficacia e l’efficienza dell’ente

camerale di Caserta che è tra le 60 CCIAA che resteranno operative. Non solo, voglio ricordare anche il nostro fiore all’occhiello che è il registro delle imprese che ci fa annoverare tra gli enti più efficienti d’Italia in termini di risposte all’utente ed evasione delle pratiche. Nei prossimi giorni, grazie al Centro studi del diritto delle imprese, costituito tra i presidenti degli ordini professionali che maggiormente si interfacciano con la CCIAA (notai, commercialisti, avvocati), sarà operativo il comitato scientifico dello stesso, che elaborerà delle proposte a sostegno delle imprese che si interfacciano con la Camera».

0 Comments

No comments!

There are no comments yet, but you can be first to comment this article.

Leave reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *